Quattrocento chilometri separano in linea d'aria la Curva Sud dello stadio Olimpico dal settore ospiti del Luigi Ferraris in Marassi. Una distanza raddoppiata dal ritorno nel cuore nella notte, per un totale pari ad una superficie che potrebbe contenere ben oltre settemila campi da calcio. Questo il numero capace di sintetizzare al meglio la trasferta di Genova, con più di mille e cento romanisti che hanno macinato centinaia di chilometri in una domenica di maltempo per gremire in ogni ordine di posto lo spicchio superiore e posizionare altri vessilli giallorossi in quello più vicino al manto verde. Quando si parla di attenzione, impegno e dedizione bisognerebbe rivolgere un pensiero e magari lo sguardo verso chi, nonostante tutto, ha compreso l'importanza di una sfida cruciale senza sottovalutare nulla e nessuno. In piedi e con le braccia tese al cielo i romanisti, favoriti anche dall'assenza o quasi di rivali di tifo, hanno dato vita a novanta e più minuti di cori capaci di arrivare senza fatica alcuna fino alle orecchie dei telespettatori collegati da tutta Italia e non. Mille e cento romanisti hanno occupato il settore compreso tra Gradinata Sud e Tribuna, l'hanno fatto portando con loro i colori più belli, esultando a pochi minuti dal termine per una vittoria alle porte, soffrendo con e per la Roma, tirando un amaro sospiro di sollievo prima di far rientro a casa con una luce negli occhi nonostante il buio intorno a loro. Una luce di speranza che neanche la matematica potrà levar loro, quella di chi è alle prese con il conto alla rovescia per ritrovare una Roma che potrà anche tradire le aspettative ma, diversamente da molte altre cose della vita, più fa male e più li attira. Genova è ormai alle spalle, quelle che la tifoseria romanista non volterà mai alla sua squadra.

Roma-Juventus verso il record 

Il futuro dice Juventus, con il big-match contro i campioni in carica che andrà in scena domenica sera allo stadio Olimpico. Un impegno atteso, per motivi di rivalità decennale quanto per la flebile speranza di continuare a sognare l'Europa che conta, per il quale si viaggia spediti verso le 45mila presenze. Esaurite in ogni ordine di posto la Curva Sud Centrale, Laterale e ben tre spicchi di Tribuna Tevere, sono prossimi al sold-out anche i Distinti Sud. Restano inoltre a disposizione i tagliandi di Curva Nord, Distinti Nord - apertura figlia dell'imminente tutto esaurito nell'opposto settore - per i rimanenti mini-settori di Tribuna Tevere , Tribuna Monte Mario e Premium. Nonostante il prezzario fortemente elevato, il blasone della sfida ha attirato e continua ad attirare migliaia e migliaia di tifosi. Una vendita che, a diversi giorni dalla chiusura in programma a ridosso del fischio d'inizio, dovrebbe così rendere Roma-Juventus la partita interna con il numero più alto di spettatori nel nostro campionato. Un record detenuto al momento dal vittorioso derby dello scorso settembre (47.600), pronto così ad essere superato dall'atteso big-match di domenica. Biglietti per la sfida che, come di consueto, possono essere acquistati negli AS Roma Store e nelle ricevitorie Vivaticket, online, tramite Call Center oppure presso il Ticket Office di Viale delle Olimpiadi. Dopo aver macinato oltre ottocento chilometri in una fredda domenica di inizio maggio, i romanisti attendono così di poter tornare sugli amati spalti dell'Olimpico per dar vita ad uno nuova, ennesima serata di tifo incondizionato.