Monchi: "Totti alla Roma è tutto, lavorare insieme ci completa "

Il direttore sportivo della Roma celebra il suo primo anno giallorosso: "Per dire a Totti che non contavo su di lui come giocatore serviva un misto di coraggio e follia"

La Redazione
23 Aprile 2018 - 13:18

Monchi ha rilasciato un'intervista ad ABC Deportes in occasione del suo primo anno da direttore sportivo della Roma. Il direttore sportivo ha parlato della sua esperienza a Roma, di Totti, della prima campagna acquisti e del percorso in Champions League dei giallorossi. Questa la sua intervista:

Sembra molto dimagrito.
"Quando sono arrivato a Roma ho preso 8 o 9 kg, e poi ne ho persi quasi 10 prima del 1 gennaio. Ora sono nel mio peso forma".

Sembra strano che una persona tanto legata al lavoro fisico possa ingrassare.
"Ma continuo a essere legato alla palestra. Arrivo a Trigoria alle 7.15 della mattina, e qui abbiamo una palestra magnifica nella quale mi alleno un'ora e mezza. Questa parte della mia routine giornaliera è fondamentale". 

Continua a non fumare?
"Sì, sì. Ho passato giornate complicate all'inizio, però è una delle cose di cui mi sento più orgoglioso. L'8 novembre 2016, il giorno del compleanno di mio figlio, il mio regalo è stato quello di smettere di fumare".

Già padroneggia l'italiano?
"Lo capisco interamente e di fatto qui in Italia intrattengo le interviste in italiano. Lo parlo con un accento italiano-andaluso..., però dicono che lo parlo bene. Sono stato autodidatta e Netflix è stato di grande aiuto. Anche vedere le partite nei canali italiani, perché il mio vocabolario è particolare e ho bisogno di apprendere la terminologia italiana".

Come va qui?
"Quando c'è un cambio importante di vita si richiede un tempo di adattamento, per la necessità di trovare se stessi. A livello personale mi mancano alcune cose, perché non ho la mia famiglia con me e vivo da solo, però in linea generale sono contento. E a livello professionale quando sono arrivato alla Roma avevo bisogno di non credermi il padrone dell'universo. Per quanto io avessi fatto bene o male nel passato, avevo la necessità di diventare un nuovo Monchi. Riconoscere gli errori che avevo fatto e trovare la migliore versione di me stesso per questo nuovo progetto. Chi mi conosce sa che non sono presuntuoso e tengo sempre chiaro in mente che la stessa medicina non va bene per le stesse malattie. Il modo di lavorare di Monchi del Siviglia valeva per il Siviglia e ora serviva proporre una versione diversa rispetto a quella che era richiesta un tempo".

Lei dice di essere molto sentimentale, e che piange spesso. Le sono salite le lacrime dopo la rimonta ai danni del Barcellona in Champions?
"Questo scontro diretto mi ha emozionato perché ho vissuto per la prima volta qualcosa che mi avevano raccontato diverse volte, cioè come ci si divertiva alla Roma per un successo. I tifosi della Roma sono tanto esigenti quando si tratta di chiedere qualcosa quanto sono propensi a sfruttare esageratamente e calorosamente il trionfo per festeggiare. E' stata una notte molto bella".

Come è lavorare con Totti?
"Totti è tutto alla Roma e io difficilmente riuscirò mai a essere quello che è Totti in questo club. Fortunatamente abbiamo una buona sintonia. Lavorare insieme ci sta servendo a entrambi per completarci. A me molto di più, perché lui sa cosa sia la Roma, e Totti sta vivendo una nuova tappa della sua vita nella quale, possibilmente, gli stanno servendo in qualche modo i miei consigli. Mi considero un privilegiato per averlo vicino a me".

Si è arrabbiato quando le ha detto che non avrebbe più giocato?
"È stata una decisione difficile. Per dire a Totti che non contavo su di lui come giocatore serviva un misto di coraggio e follia. Stavo qui da poco tempo e probabilmente in quel momento non ero capace di controllare né dominare l'effetto di Francesco nella Roma. Il risultato di questa "irresponsabilità" è stato il fatto di avere più coraggio di quello che avrei avuto se avessi agito con responsabilità, però credo che sia valso a qualcosa il fatto di dirglielo guardandolo negli occhi, spiegandogli il motivo di ogni cosa e, soprattutto, chiudendogli una porta aprendogliene un'altra. E come risultato evidente di quello che le ho raccontato, mi tengo stretta questa magnifica relazione che abbiamo ora".

La sua metodologia è la stessa che aveva al Siviglia?
"Qui ho trovato una base importante. Si stava facendo un buon lavoro, soprattutto al livello dei dati, che mi piacciono molto, ed esportare la mia forma di lavoro non è stato difficile. Dal primo giorno in cui l'ho spiegato, i miei collaboratori l'hanno capito. È un lavoro molto simile a come lo abbiamo fatto a Siviglia, con l'aggiunta della gestione dei dati. Il calcio di oggi non può voltare le spalle ai dati, alla "grande macchina". I dati non sono tutto, ma aiutano. Avere la possibilità di avere i dati, analizzarli e applicarli è importante. Ci sarà sempre la sfumatura soggettiva della persona che vede il giocatore, ma alla fine i dati sono la base".

Qualcosa di comparabile a "Milan Lab".
"Non è la stessa cosa. "Milan Lab" è diverso. Sta più sui dati fisici, e noi andiamo sui dati fisici mescolati con i dati tecnici. Una parte genera 8 milioni dati. Immaginate. Si tratta di sviluppare profili di giocatore in base alle esigenze che abbiamo attraverso i dati. Se siete alla ricerca di un laterale destro e si dispone di un attaccante come Dzeko, che è un buon goleador, quello che stai cercando è un laterale destro che ha una buona percentuale realizzativa. Sono dati. Ma poi bisogna vedere quella percentuale realizzativa se essa avviene nel terzo finale del campo, nella metà campo avversaria, nei dieci metri, nei cinque metri, con un avversario di fronte, con due, nel primo tempo, o nel secondo... Ci sono così tanti dati da analizzare... La virtù dell'analista di dati è quella di estrarre i dati positivi e lasciare fuori quello che fa rumore".

È soddisfatto del suo primo progetto della Roma?
"Prima del 30 giugno c'era la necessità di una plusvalenza generale per la questione del fair play finanziario, e le prime decisioni erano quelle di vendere i giocatori. Salah, Paredes e Rudiger sono usciti. Poi abbiamo costruito la rosa. Gli undici c'erano, con Manolas, Dzeko, De Rossi, Nainggolan o Strootman, e abbiamo dovuto migliorare la rosa. Avremmo potuto fare di meglio, certo, ma abbiamo avuto una vera disgrazia con gli infortuni".

Perché ha scelto Di Francesco per la panchina?
"Prima di scegliere l'allenatore ho pensato al profilo e avevo tre cose chiare: in primo luogo, che fosse italiano. In secondo luogo, che conoscesse il club. E, per ultima cosa, che fosse un allenatore che storicamente tirasse fuori il valore dei giocatori e lui nel Sassuolo ha fatto cose incredibili".

Perché un club tanto grande come la Roma ha così pochi titoli?
"Ha una spiegazione difficile. Non ho la capacità di delineare una conclusione. Ci deve essere qualche segreto, perché da queste parti sono passati giocatori di altissimo livello come Batistuta, Cafú, Totti, Cerezo, Falcao, Conti, Ancelotti... E buoni allenatori. Però io vengo da un club come il Siviglia che in 58 anni non aveva vinto assolutamente niente e in undici ha vinto tutto. A volte non ci sono spiegazioni, però c'è una soluzione. È meglio cercare una soluzione che cercare una spiegazione".

Il Barça vi ha mancato di rispetto?
"Il Barcellona, per quanto riguarda lo staff tecnico, i giocatori e la dirigenza, ci ha valutato correttamente. Sapevo che erano preoccupati per le virtù della Roma. Più che altro, vi è stata una mancanza di rispetto di qualche media o dell'ambiente, che non ha ignorato il nostro valore. E l'ignoranza a volte ti porta a sottovalutare. Nessuno ha mai preso in considerazione che la Roma ha 17 internazionali".

Che cosa immagina per lo scontro diretto con di Liverpool?
"Dei tre rivali che potevano capitarci è il più complicato, in termini di stile di gioco. Dal centrocampo in poi sono molto veloci, rapidi e potenti. Giocano bene a calcio e tutto a una velocità molto alta. Una cosa è essere molto veloce, perché Usain Bolt è veloce, e un altra è quella di agire ad alta velocità. Il Liverpool gioca molto velocemente e questo è complicato. E, soprattutto, troveremo una squadra che arriverà alla partita mentre vive il momento più bello della stagione, i momenti più importanti. Forse il Liverpool all'inizio della stagione sarebbe stata una squadra più abbordabile rispetto al Liverpool di oggi. Klopp è riuscito a bilanciare una squadra con un alto potenziale offensivo, ma che viveva delle difficoltà, difensivamente parlando. L'arrivo di Van Dijk è stato importante e stiamo andando a trovare una squadra molto più equilibrata".

Le è sembrato rigore il fallo di Benatia?
"Tutto ciò che diciamo vedendo le immagini è un'opinione, rispettabile, però un'opinione. Chi stava in campo era l'arbitro. Lui non aveva il televisore. Dovremmo metterci dentro la testa dell'arbitro per sapere cosa ha visto. Quella è una giocata molto convulsa, dove penso che qualunque opinione ha argomenti per essere difesa. Però l'arbitro deve decidere durante millesimi di secondo. E sono convinto che lui ha visto rigore. Che lo fosse o meno è un dato più soggettivo, perché uno dice che è rigore e un altro dice di no. Non siamo tutti d'accordo, questo è ciò su cui non ci sono dubbi".

Dubiti che si possa parlare di furto e antimadridismo?
"Non mi interessa. Il calcio è più che solo i commenti dopo partita. Le squadre che fanno un sacco di soldi tendono ad essere antipatiche. Il Siviglia era una squadra simpatica fino a quando non ha cominciato a vincere e le squadre che vincono molto sono spesso ostili perché generano invidia".

Si immagini in finale. Quale avversario preferirebbe?
"Non mi importa chi sarà, perché sono entrambe due squadre molto complicate, ma io sono spagnolo ed è chiaro che preferirei il Real Madrid".

Il Real Madrid le ha chiesto Alisson?
"A me no, e nemmeno al club. Il Presidente Pallotta è stato molto schietto. Alisson non è in vendita".

© RIPRODUZIONE RISERVATA