A meno di un'ora dal fischio d'inizio di Shakhtar Donetsk-RomaMonchi ha parlato ai microfoni di Premium Sport. Ecco le dichiarazioni del direttore sportivo giallorosso:

"Io non sono mai arrivato ad un quarto di finale e penso che per la crescita della società e per la fiducia di tutti, oggi sia una partita molto importante. Speriamo di essere forti per andare avanti. Sappiamo che sarà difficile perché loro giocano a calcio molto bene, ma i ragazzi sanno che abbiamo un'opportunità importante davanti a noi. Qualificazione utile a blindare i gioielli come Alisson? No, sono due cose diverse. Economicamente è importante, andare avanti. Non dobbiamo pensare ogni giorno che parta qualcuno. Alisson è qui, è un grandissimo portiere e fortunatamente è nostro". Sulle differenze tra Italia e Spagna. "Il calcio italiano è più intelligente tatticamente. Si lavora di più e meglio. Quello spagnolo è più libero e tecnico. Però ci sono anche tante cose in comune. Come è nato il colpo Ünder? Nasce da un lavoro che è durato tanto. Lo scouting ha lavorato benissimo e abbiamo seguito una squadra che ha fatto molto bene in Turchia per molto, osservando soprattutto questo giocatore di 19 anni e già internazionale. Alla fine abbiamo deciso di prenderlo, ben sapendo che dovevamo avere pazienza e aspettare il suo momento. Il mister ha fatto un grandissimo lavoro in questo".