Il tecnico Alberto De Rossi ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Roma TV . L'allenatore della Roma Primavera ha parlato al termine della vittoria contro la Fiorentina per 2-1 grazie alle reti di Riccardi e Estrella. Ecco le sue parole.

Una gara difficile, ma era importante di vincere?
"Sono molto contento, veramente e si vede che venivamo da un bruto momento intervallato con la bellissima vittoria a Bergamo contro l'Atalanta e le altre sconfitte. Alternanza dei risultati sta condizionando la classifica, ed infatti non è delle migliori e con questa vittoria rimaniamo nelle prime sei posizioni".

Oggi abbiamo visto una squadra che ha giocato da gruppo?
"Abbiamo fatto un'altra partita rispetto alle scorse, ci siamo guardati in faccia e abbiamo parlato di questo momento negativo che ci stava incombendo. Certo abbiamo giocato un  Roma-Fiorentina diverse dalle solite dove c'era più qualità. Oggi hanno tirato fuori qualità come la grinta, la determinazione, il sudore, il sacrificio e combattere l'uno per l'altro. Mi è piaciuto molto".

Ci sono stati anche dei cambiamenti, questo per sottolineare che servono tutti?
"Si, gennaio è un mese difficile un po' per tutti, forse faremo un altro percorso a livello di preparazione il prossimo anno.In queste pause natalizie ci siamo allenati fino al 31 dicembre. Probabilmente ci siamo allenati un po' troppo perché oggi non erano molto brillanti o forse la sentivano molto come partita".

Come vede la prossima partita in trasferta contro il Bologna, spesso avete avuto difficoltà?
"Sarà una gara delicata che determinerà il nostro campionato. Con una vittoria potremmo lanciarci verso le prime posizioni, sta a noi cambiare questo percorso ed indirizzarlo. Devo dire che in alcuni campi è complesso giocare come noi sappiamo fare, anche per le dimensioni del campo. A Verona la squadra di casa era a proprio agio su un terreno di gioco piccolo. Qui alla Roma siamo abituati ad allenarci con campi larghi, per creare gioco. In un percorso di crescita dobbiamo anche migliorare nel saper soffrire, la squadra sta migliorando in questo. Il salvataggio di Parodi non è stato casuale, probabilmente in un'altra gara si sarebbe fermato".