Le Giovanili

Roma Under16, ora il derby senza paura

Dopo l’impresa contro l’Inter nei quarti c’è la Lazio, arrivata davanti. I biancocelesti hanno vinto i due derby di campionato. Capitan Tumminelli è squalificato

L’esultanza di Almaviva e Mannini, numero 10 e numero 9, dopo il gol del 2-0 all’Inter Under 16, mercoledì pomeriggio, di Mancini

L’esultanza di Almaviva e Mannini, numero 10 e numero 9, dopo il gol del 2-0 all’Inter Under 16, mercoledì pomeriggio, di Mancini

22 Maggio 2022 - 07:46

Può essere il sogno o l'incubo, la gara di oggi, per la Roma Under 16, che si giocherà l'accesso alla semifinale contro la Lazio. Che non è mai una partita come le altre, e ancor meno quest'anno, perché la squadra biancoceleste si è dimostrata la bestia nera per i ragazzi di Falsini. Il 5 dicembre, al Centro Sportivo Green Club, la squadra di Marco Alboni batté i giallorossi 1-0, grazie a un rigore a 9' dalla fine del numero 10 Gelli, una delle stelline della squadra, insieme al 9, Serra. Il ritorno andò anche peggio: la squadra biancoceleste vinse 3-1 a Trigoria con le reti di Sessa, Paolocci (ex giallorosso) e Ferrari, che vanificarono il pari di Marco Litti, forse il miglior elemento dei giallorossi. Vestiva quei colori anche prima, Bruno Conti lo strappò due anni fa al settore giovanile del Lecce: arrivò come esterno offensivo, è stato reiventato terzino sinistro, spesso diventa un esterno a tutta fascia, ma non ha perso confidenza con la porta avversaria: due gol a Frosinone, nell'ultima giornata, e la Roma, grazie al vantaggio negli scontri diretti contro il Napoli, si è presa il secondo posto alle spalle della Lazio, evitando i playoff.

Negli ottavi i ragazzi allenati da Gianluca Falsini si sono ritrovati di fronte l'Inter, che ha una mezza dozzina di ragazzi nel giro delle selezioni azzurre (tra cui Daniel Fois, nato a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo, e passato anche per la scuola calcio della Roma all'Acqua Acetosa, ma senza mai fare il salto a Trigoria). Hanno sfiorato la clamorosa impresa all'andata, portandosi sul 3-0 a Milano, hanno rimediato una clamorosa brutta figura perdendo 4-3, ma poi si sono ampiamente riscattati al ritorno, portandosi sul 2-0 tra 25' e 29', risultato poi rimasto fino al fischio finale, anche grazie a De Franceschi, che ha parato un rigore a Spinaccè, impedendo ai nerazzurri di riaprire la partita prima dell'intervallo. Vantaggio di Nardozi, con un cross che ha ingannato il portiere, e raddoppio di Almaviva (il bambino a cui Totti mise la fascia al braccio il giorno dell'addio), di testa, su cross del solito Litti. Un successo importante e non scontato - con l'unico rammarico della severa espulsione nel finale per capitan Tumminelli, che oggi non ci sarà - che darà morale ai ragazzi allenati da Gianluca Falsini, in vista del quarto delle 16.30 a Trigoria: ritorno tra una settimana al Green Club.

Under 15

Andata in trasferta per l'Under 15 di Rizzo, che negli ottavi si è stancata decisamente di meno: con la Ternana 5-0 già all'andata, mercoledì è bastato l'1-0 firmato in avvio da De Caro, servito da un'imbucata di capitan Di Nunzio. Di fronte l'Atalanta, che ha eliminato l'Inter, calcio d'inizio alle 11 a Zingonia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA