Alberto De Rossi è nel ritiro di Cascia con la sua Roma Primavera. Mentre la settimana di preparazione si sta per concludere, l'allenatore dei giovani giallorossi ha commentato anche quella che sarà la prima partita del prossimo campionato, contro il Torino il 29 agosto. Ecco le sue dichiarazioni.

Come sta andando?
"Tutto molto bene, a parte il problemino di Zajsek tutti i ragazzi hanno risposto molto bene alle sollecitazioni di questo periodo. Questo vuol dire che hanno lavorato bene durante l'estate e si sono presentati da veri professionisti. È un momento particolare per tutte le squadre, è fondamentale l'inizio della stagione per noi che iniziamo un nuovo biennio. I ragazzi si conoscono, noi li conosciamo ma stare insieme una settimana è fondamentale per i rapporti che si creeranno".

Quali sono le motivazioni che si rinnovano ogni anno?
"Le motivazioni ognuno deve averle in sé, ma poi te le danno i ragazzi, per le cose che sanno fare e quelle che non sanno fare e per le quali hanno bisogno del nostro aiuto per far sì che diventino un valore aggiunto, perché iniziare un percorso con una cosa che non sai fare e completarla è una soddisfazione".

Uno sguardo al calendario si dà sempre, si parte a Torino, subito una trasferta complicata.
"È un po' banale, ma qualsiasi partita ci fosse stata assegnata dal sorteggio sarebbe stata difficilissima. Una neopromossa ha una grande motivazione, il Torino invece è una squadra consolidata, se incontri Atalanta, Inter o Juventus la partita è difficile. Ci prendiamo il Torino, dovremo prepararci per bene, sarà una partita molto difficile".