La Roma Femminile Primavera è campione d'Italia. Le giallorosse hanno battuto in finale scudetto la Juventus 1-0 grazie al gol al 95' di Tarantino. Nel post gara hanno parlato a Roma Tv l'allenatore Fabio Melillo e il difensore Marika Massimino.

Fabio Melillo

Partita di grande difficoltà e coraggio...
"Sì, abbiamo incontrato una grandissima squadra a cui vanno fatti i complimenti. Questa è una squadra che sa soffrire e uscire da qualsiasi situazione. Un gruppo così che lotta, che non molla mai cercando sempre di cambiare la situazione della gara con coraggio e con voglia è una grandissima soddisfazione. Riuscire a vincere di nuovo è difficilissima ed è frutto di mentalità che le ragazze hanno acquisito".

33 vittorie consecutive...
"È eccezionale nel mondo del calcio, non pareggiavamo da aprile 2019. Vinciamo sempre da due anni, è una soddisfazione immensa e nel Femminile credo sia un record. È una squadra eccezionale con ragazze eccezionali".

Ragazze educate al calcio e al romanismo...
"Il Femminile è un'oasi bellissima nel mondo del calcio dove si gioca con senso di appartenenza e le ragazze sanno cosa significa. Abbiamo fatto una vigilia più leggera per non far sentire la tensione della partita: siamo passati da cori da stadio a balli di gruppo. Magari non è eticamente eccezionale, ma credo abbia funzionato".

Marika Massimino

Partita veramente difficile...
"Sì, è stata molto tosta. È stato difficilissimo ripetersi, è ancora più dura perché devi dimostrare a tutti che meriti lo scudetto. Abbiamo sofferto".

Che sensazioni hai avuto? 
"Al gol sono scoppiata a piangere, non ci credevo. Ho sofferto tutta la partita. Questa gara ti toglie tutto ma la testa, e tanto tanto cuore, è l'unica cosa deve rimanere".

Questo scudetto che significato ha?
"È tanto importante. Indosso questa maglia da quando ho 10 anni e arrivare qui è veramente bello. Tutte abbiamo senso di appartenenza, siamo un gruppo fantastico".