La Roma Femminile si avvicina alla semifinale d'andata in Coppa Italia contro la Juve. Domani alle 12.30 Bavagnoli guiderà le sue in una delle sfide più importanti della stagione. L'allenatrice ha rilasciato delle dichiarazioni ai canali del Club, dando anche una brutta notizia: l'infortunio di Elisa Bartoli.

"È  stata una buona settimana in cui abbiamo riordinato le idee. Ci siamo guardate in faccia, abbiamo analizzato ovviamente l'ultima partita, la sconfitta con il Verona e quindi ci siamo riorganizzate, abbiamo preso coscienza del fatto che gli incidenti di percorso possono accadere. Sappiamo tutti com'è andata anche la partita di sabato scorso però c'era e ci sarà di fronte una partita importantissima per la stagione, per noi e per continuare a credere nel nostro percorso. Ci siamo preparate bene, abbiamo cercato di analizzare le cose che dobbiamo migliorare e lo abbiamo fatto. 

L'unica nota negativa è l'infortunio del nostro capitano Elisa Bartoli che contro il Verona ha subito un trauma contusivo distorsivo al ginocchio e quindi purtroppo non sarà della gara. È inutile negarlo, è una gara ad alto indice di difficoltà però conosciamo molto bene la Juve. La rispettiamo perché ha delle atlete, e non è la prima volta che lo dico e nemmeno ci stanchiamo di dirlo, atlete di calibro internazionale, giovani fortissime e un'allenatrice incredibile, bravissima. Sappiamo che squadra ci troveremo di fronte, ma come è successo magari in una gara precedente (la semifinale di Supercoppa Italiana del 6 gennaio, persa immeritatamente dalle giallorosse per 2-1 ai supplementari ndr.), noi cercheremo di fare la nostra partita, credere in un obiettivo fondamentale senza paura, con coraggio portando avanti il nostro lavoro di tanto tempo e alla fine vedremo. La palla è rotonda, si parte dallo zero a zero. Sicuramente sarà una bella partita.

Una gara che ci farà ritrovare insieme contro una grandissima squadra, sono quelle partite che vorresti sempre giocare. Non ci si può nascondere, non c'è bisogno di motivazione contro squadre così. Sicuramente questa partita ci può continuare a dare consapevolezza e autostima. Tutto dipenderà da come affrontiamo la gara perché le cose le sappiamo fare, le ragazze sanno cosa deve essere fatto. Hanno qualità e caratteristiche importanti, la differenza la fa sempre la testa e come si approccia una gara".