"La Coppa Italia è fondamentale", parola di Betty Bavagnoli. La Coppa Italia è, a ragion veduta, l'unico trofeo al quale può realisticamente ambire la Roma Femminile. In campionato la corsa verso la Champions si è complicata dopo le sfide con Milan e Fiorentina ma è ancora aperta, non sembra invece alla portata delle giallorosse l'andare a disturbare i piani altissimi per il titolo. E allora concentrazione sulla sfida di domani contro il San Marino in trasferta, per l'andata dei quarti di finale (calcio d'inizio alle 14.30).

"Crediamo moltissimo in questa competizione - ha detto l'allenatrice a Roma Tv - vogliamo arrivare il più lontano possibile". Lo scorso anno Bartoli e compagne si sono fermate in semifinale nel doppio confronto con la Fiorentina e, come in campionato, l'obiettivo è quello di salire ulteriormente e per farlo serve un miglioramento che forse precede il rendimento in campo. "Arriviamo bene a questa partita, con la giusta testa e mentalità. Ci abbiamo lavorato, è una cosa che siamo riuscite a vedere nelle ultime due gare; c'è stata crescita sotto questo punto di vista".

Dopo la bella vittoria sul campo dell'Empoli in campionato, c'è da battere il San Marino che milita in Serie B. L'attenzione della coach è comunque alta: "Noi favorite? Non sono abituata a pensarla così perché l'avversario è importante, la società di San Marino sta costruendo un grande progetto, è protagonista del campionato di Serie B. Anche le ragazze devono sapere che non sarà una partita facile, dovremo essere assolutamente concentrate. La sfida sui 180 minuti si prepara cercando di dare gli stimoli giusti alle atlete, lo spazio ci sarà per tutte. La squadra sta dimostrando di riuscire a cambiare spesso perché le ragazze si fanno sempre trovare pronte. Voglio che le ragazze credano nella forza che abbiamo".