Oggi l'Inghilterra ha battuto 3-0 il Camerun nella gara valida per gli ottavi di finale del Mondiale femminile. La partita sarà ricordata non solo per la vittoria delle Leonesse, ma soprattutto per la protesta dalle africane. A scatenare la furia delle giocatrici camerunensi sono state le decisioni dell'arbitro e del VAR. Il gol del 2-0 dell'Inghilterra infatti, è figlio di una segnalazione di fuorigioco. Le africane, vedendo la bandierina alzarsi si sono fermate mentre le inglesi sono andate fino in porta ed hanno segnato.

La direttrice di gara, dopo un'attenta valutazione con l'ausilio della tecnologia ha deciso di convalidare il gol scatenando il nervosismo del Camerun che ha bloccato la partita per circa dieci minuti. Oltre al danno la beffa, perché nel secondo tempo arriva il gol delle africane che potrebbe riaprire la partita, ma l'arbitro annulla tutto sempre dopo aver consultato il al VAR. Partita di nuovo bloccata con le calciatrici camerunensi che hanno deciso di fermarsi e protestare contro la direzione di gara.

Non è la prima volta che l'arbitro e soprattutto il VAR sono al centro delle polemiche in questo Mondiale femminile, un episodio c'era già stato sempre con l'Inghilterra che era riuscita a segnare al Giappone grazie ad un fallo, non sanzionato.