il punto

Roma Femminile, Linari è l’ennesima certezza rinnovata

Dopo i prolungamenti di Andressa, Giuliano, Spugna, Greggi e Haavi è arrivato quello del difensore centrale. Continua il ritiro: oggi doppia seduta

Linari durante la partita contro l'Inter

Linari durante la partita contro l'Inter (As Roma via Getty Images)

02 Agosto 2022 - 10:33

Quello della Roma Femminile è sempre più un mercato oculato e intelligente, con una prerogativa: dare solidità alle certezze acquisite nel recente passato. Così, dopo i rinnovi di Andressa, Giugliano, del tecnico Spugna, Greggi e Haavi, è arrivato anche quello di Elena Linari. Il difensore centrale ha firmato il prolungamento del suo accordo fino al 30 giugno 2026.

Dal giorno del suo arrivo in giallorosso nel gennaio 2021, la toscana ha letteralmente cambiato il volto della squadra che a quel tempo era ancora guidata in panchina da Betty Bavagnoli. La sua esperienza e le sue caratteristiche sono state fondamentali per dare solidità al quel 4-2-3-1 che ha portato la Roma ad alzare la prima Coppa Italia della sua storia, a farle capire di essere già grande e quali fossero gli step da percorrere per diventare una realtà affermata che valesse l’Europa. C’è tanto di suo anche nella difesa ferrea di Spugna (la seconda migliore dello scorso campionato nonostante l’addio di Swaby), non solo per caratteristiche tecniche ma anche sotto l’aspetto della mentalità:  quei ritornelli come "giocare una partita alla volta" o "volerle vincere tutte" sono diventati realtà in campo anche grazie a Linari (Haavi, per esempio, è un’altra portatrice di questa mentalità).

A tutto questo si aggiungono 41 presenze e tre gol, di cui uno su rigore contro l’Empoli al 98’ in una rimonta intrisa di romanismo. "Sono orgogliosa - ha detto ai canali ufficiali del club - di aver avuto l’opportunità di prolungare il mio contratto con la Roma, qui c’è un grande progetto e sono molto contenta di continuare a farne parte. Conto di togliermi tante soddisfazioni con questi colori, sperando di ripagare la fiducia della società e l’affetto dei tifosi".

 Rush finale

Mentre il club ha messo al sicuro uno dei capisaldi la squadra continua la sua preparazione nel ritiro a Cascia, anche se ieri, nella prima giornata con l’intera rosa presente, la fatica sul campo ha lasciato spazio allo svago e al propriamente detto “team building”. Quello del gruppo è un aspetto cui Spugna (come anche Bavangoli da sempre) dedica molta attenzione, perché è un punto di forza della Roma che si traduce spesso anche nei risultati in campo. Una giornata del genere era prevista da prima della partenza e così è stato: nel pomeriggio le giallorosse si sono dilettate in un rafting di squadra, come testimoniato anche dalle foto pubblicate dal club. Tanti sorrisi e una grande unità che si vede anche nel modo in cui le calciatrici raccontano ogni giornata sui propri canali social, o dal modo in cui si salutavano all’arrivo a Cascia. Hanno piacere a stare insieme e a lavorare per gli obiettivi comuni che, anche in virtù di questa unità di intenti, diventano sempre più alti e ambiziosi.

Chiaramente però, per arrivare dove si vuole arrivare (leggasi Scudetto o anche qualificazione ai giorni di Champions League), non si tralascia l’importanza del lavoro sul campo: finito il giorno più soft, oggi Spugna sottoporrà le sue giocatrici a una doppia seduta di allenamento, in quello che sarà il penultimo giorno di ritiro e l’ultimo aperto ai tifosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA