Roma è scossa da un altro stupro choc avvenuto in pieno centro. Una donna tedesca di 57 anni è stata violentata e poi legata nuda a unpalo la scorsa notte a Villa Borghese. A dare l'allarme è stato un tassista che, intorno all'una transitando a Villa Borghese in viale Washington, ha visto la donna legata nuda a un palo,con nodi ai polsi e alle caviglie e con un fazzoletto in bocca che le impediva di urlare. L'uomo si è fermato, l'ha slegata e ha dato l'allarme alla polizia. Sul posto sono giunte una volante del commissariato Villa Glori e la polizia scientifica. I poliziotti hanno quindi rinvenuto nei pressi gli abiti e gli indumenti intimi della turista proveniente dalla Germania.

La donna, ritrovata in stato evidente di choc, è stata poi portata in ambulanza all'ospedale Santo Spirito. In un primo momento sarebbe stata sedata. Gli accertamenti medici avrebbero confermato la violenza. La donna ha riferito di essere in Italia da 6 mesi. La 57enne tedesca secondo quanto da lei raccontato, sarebbe stata aggredita, violentata e derubata di circa 40 euro da un giovane straniero di vent'anni che poi si è dato alla fuga. La vittima ha fatto dichiarazioni agli investigatori. "Mi ha afferrato per i capelli, picchiato e violentato. A un certo punto sono riuscita a scappare, ma lui mi ha raggiunto, mi ha legato i polsi per non farmi muovere e sono continuati gli abusi".

Stando alla ricostruzione fatta dalla tedesca l'aggressore sarebbe un giovane di circa 20 anni probabilmente straniero. A quanto risulta, gli accertamenti medici avrebbero confermato la violenza. La polizia ha già iniziato le ricerche del giovane attraverso le telecamere della zona. Sull'aggressione la Procura della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo, per il momento contro ignoti,ipotizzando il reato di violenza sessuale. Le indagini sono affidate al pubblico ministero Vittorio Pilla che ha affidato gli accertamenti alla Squadra Mobile. Il fatto avviene a distanza di pochi giorni dallo stupro di una turista finlandese da parte di un 23enne bengalese. Una situazione che è monitorata dalle forze dell'ordine con grande attenzione. E' prevista una riunione in Prefettura per affrontare il tema delle misure preventive a difesa delle donne.

Le reazioni

Immediata la presa di posizione di amministratori e politici per quanto avvenuto. Perentoria la frase pronunciata dal governatore del Lazio, Nicola Zingaretti: "Questo ennesimo stupro non deve lasciare senza parole. Prima di tutto assicurare giustizia, insieme alziamo voce contro violenze sulle donne". La sindaca di Roma, Virginia Raggi è intervenuta su Twitter: "Ancora violenza sulle donne. L'ennesimo atto mostruoso, ignobile e inaccettabile che non deve restare impunito". "Basta, ormai è una vera e propria epidemia!", commenta il leader della Lega, Matteo Salvini. Barbara Saltamartini, vice capogruppo alla Camera della Lega Ncs, parla di "città allo sbando". Roma "in fatto di sicurezza è divenuta terradi nessuno. A pagarne le conseguenze sono sempre più le donne", ha affermato il consigliere capitolino di Fratelli d'Italia Francesco Figliomeni.