La Roma si arrende alla Juventus ai calci di rigore, dopo l'1-1 maturato nei 90 minuti regolamentari. L'ultimo match dei giallorossi nell'International Champions Cup si chiude dunque con una sconfitta, ma con sprazzi di bel gioco.

Primo tempo a tinte bianconere, con la squadra di Allegri molto aggressiva, mentre i giallorossi faticano a rendersi pericolosi. Alla mezz'ora Mandzukic sblocca il risultato grazie ad un bell'assist di Alex Sandro: il croato supera Alisson e da posizione defilata realizza l'1-0.

Nella ripresa la Roma scende in campo con tutt'altro piglio e lo dimostra fin da subito: al 51', però, la traversa nega il gol a Strootman, libero di calciare dopo il servizio di Bruno Peres. La rete del pari al 74': bella azione corale dei giallorossi, assist al bacio di Kolarov per Dzeko che da due passi fa 1-1.

Giunti al 90' sul risultato di parità, si va ai calci di rigore: il primo tiro dal dischetto è del giallorosso Tumminello, che però si vede respingere il tiro da Pinsoglio. I bianconeri, invece, sono infallibili: finisce 6-5 in favore della Juventus, ma la Roma esce a testa alta dal Gillette Stadium di Foxborough.