Il tecnico della Roma Paulo Fonseca parla in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Brescia. I giallorossi vogliono trovare la seconda vittoria consecutiva dopo il successo ottenuto all'Olimpico contro il Parma. Ecco le parole dell'allenatore che ha anticipato i temi della trasferta di domani.

Poco fa il sorteggio in Europa League. Che idea si è fatto. Si aspetta di avere Smalling?
"In questo momento sono tutti avversari difficili ma non dobbiamo pensare troppo avanti. Abbiamo la partita con il Siviglia e dobbiamo pensare a quella. Dopo se vinciamo vedremo, sono tutte squadre forti ora. Stiamo lavorando per avere Smalling, io sono fiducioso che possa giocare l'Europa League".

Domani a Brescia ricorrerà a Fazio nella difesa a tre? Come sta Dzeko?
"Giocheremo a tre e giocherà Fazio al posto di Cristante. Dzeko vediamo, non possiamo dimenticare che ha fatto le ultime due partite con poco tempo di recupero. Ha lavorato molto difensivamente contro il Parma. Ho parlato ieri con lui, è un po' stanco. Ci parlerò oggi per vedere come sta fisicamente e decidere".

Senza Smalling e Cristante, Kolarov può fare il centrale a tre? Se sì, meglio lui o Mancini in impostazione?
"Come ho detto giocherà Fazio. Penso comunque che Kolarov possa fare anche quel ruolo, ci ha giocato in passato, ci si è allenato e può giocarci".

Soddisfatto della stagione di Pellegrini? Cosa gli manca per essere un campione?
"Come sapete io non sono mai soddisfatto, ma ho totale fiducia in Pellegrini. Sapete che mi piace tanto, un ottimo giocatore, un giovane che deve migliorare. Non possiamo dimenticare che avuto dei problemi è stato infortunato in questa stagione, ma è un giovane che può e deve migliorare".

Se dovesse fare delle percentuali, in un momento particolare come questo, quanto secondo lei di una prestazione di una squadra dipende dalla condizione atletica, quanto dalla condizione mentale, quanto dalla preparazione tattica e quanto dal valore tecnico individuale? Sono percentuali diverse rispetto a prima dell'emergenza?
"Credo che tutti gli aspetti siano importanti. Se stiamo bene fisicamente poi stiamo meglio mentalmente e tatticamente. Sono aspetti collegati. Non posso daire che la preparazione fisica sia il 30% e quella mentale il 20%, sono tutti aspetti importanti collegati tra loro".

Quando fa esclusioni per scelta tecnica è perché non li vede al meglio fisicamente o non gli sono piaciuti in allenamento? Può spiegare l'esclusione di Kluivert? Ci sarò per il Brescia?
"Sono situazioni diverse. La scelta di Bruno Peres è solo una scelta. Kluivert non mi è piaciuto nell'allenamento prima della sfida col Parma. Lo ho detto al giocatore ed è per questo che non è stato convocato. Ha reagito molto bene, si è allenato ieri molto bene e se oggi si allena bene domani sarà un'opzione".

Ha avuto garanzie da parte del club sulla permanenza di Smalling?
"Come ho detto, stiamo lavorando perché lui rimanga anche per l'Europa League e io sono molto fiducioso".

Se sarà confermato il modulo anti-Parma, chi può sostituire Mkhitaryan tra Zaniolo, Cengiz, Perez, Perotti, Kluivert e Pastore? Quanti minuti ha nelle gambe Zaniolo?
"Sono tutti giocatori che hanno le caratteristiche per giocare domani al posto di Mkhitaryan, domani vedremo la mia scelta. Su Zaniolo, ho detto sempre che è stato a lungo infortunato e ora dobbiamo scegliere i momenti giusti per farlo tornare a giocare più minuti, ma c'è una cosa importante. Viene prima la squadra. Se la squadra sta bene io devo pensare prima alla squadra e non solo a Zaniolo, perché la squadra ora è più importante e lo è in ogni momento. Se abbiamo possibilità, Zaniolo giocherà di più, se non ce l'abbiamo no".

Kolarov è in ritardo di condizione rispetto a Spinazzola o può essere titolare domani?
"Spinazzola è stato una scelta e Kolarov non ha giocato. Ha fatto due buone partite ma devo dire che se domani voglio mettere Kolarov io so che lui è pronto, perché lavora sempre bene, con qualità e se domani lo volessi schierare io so che è pronto".

Col Parma avete sfruttato spesso le corsie esterne. Molti cross non sono arrivati a destinazione: errori tecnici o c'è stata un'occupazione poco funzionale dello spazio in area di rigore?
"Dobbiamo capire gli avversari e la partita. Il Parma è molto forte a difendere vicino l'area, con molti giocatori, non è facile trovare spazio. Ma in tante situazioni devo dire che dobbiamo migliorare i due aspetti, l'occupazione dello spazio e le scelte, perché possiamo fare meglio. Anche con tanti giocatori a difendere, possiamo e dobbiamo migliorare questi aspetti".

Al di là delle squalifiche intende fare pochi cambi rispetto alla gara precedente?
"Come sapete abbiamo Cristante e Mkhitaryan fuori, giocheranno altri due. Non voglio cambiare molto. Abbiamo la situazione di Dzeko che vedrò ora se è pronto o no. Poi posso cambiare qualche altra situazione, ma non voglio cambiare molto".

Veretout è imprescindibile?
"Nessuno nella Roma è imprescindibile, in nessuna squadra. Ma posso dire che Veretout è in un gran momento, sta giocando molto ben con grande fiducia. Un giocatore importantissimo per la squadra in questo momento".