Dopo il probabile accordo con Mkhitaryan, il secondo acquisto potrebbe essere un altro giocatore proveniente dall'Arsenal da dove, un anno fa, l'armeno arrivò a parametro zero grazie a una grande operazione facilitata da Raiola, perché è giusto dare a Mino quello che è di Mino. Ieri, infatti, dalla Svizzera sono arrivate ulteriori conferme, dopo quelle sussurrate dalla stessa Roma, a proposito di un'avviata trattativa con il club inglese per il centrocampista, nazionale svizzero, Granit Xhaka. Il giocatore, secondo i bene informati, sarebbe stato indicato proprio da Mourinho come l'uomo giusto per dare maggiore fisicità alla Roma in mezzo al campo. L'Arsenal nel 2016 lo pagò quarantacinque milioni acquistandolo dal Borussia Moenchengladbach, cifra che in cinque stagioni è stata praticamente quasi del tutto ammoritazza dai Gunners (ha il contratto in scadenza nel 2023 a una cifra superiore ai tre milioni netti a stagione). La richiesta iniziale dell'Arsenal per il giocatore che il club inglese vuole cedere, è stata di venticinque milioni. Cifra, come si potrà facilmente capire, che a Trigoria è stata considerata un'esagerazione. Tanto è vero che Tiago Pinto ha offerto esattamente la metà. La distanza insomma tra le parti c'è e non è poca, ma la trattativa sta continuando e ci potrebbero comunque essere i presupposti perché si concluda con la fumata bianca. Il punto d'incontro potrebbe essere intorno ai diciotto milioni, compresi i bonus.