Operativo ormai da 13 anni, il CIES (Osservatorio internazionale di studi sul calcio) è ormai un punto di riferimento per gli addetti ai lavori per quanto riguarda le statistiche sul calcio. Particolarmente apprezzate sono le classifiche relative al valore di mercato dei calciatori, ottenute tramite un metodo scientifico che analizza circa una trentina di variabili su ogni singolo giocatore studiato prima di arrivare alla cifra finale. Un algoritmo che anche la FIFA ha deciso di studiare da vicino, nell'intento di stabilire i prezzi dei calciatori in maniera scientifica, riducendo le spese folli viste negli ultimi anni. Lo afferma El Pais che conferma anche l'esistenza di contatti tra Gianni Infantino e Raffaele Poli, direttore del centro. "La Fifa ci ha chiamati diverse volte, volevano approfondire la conoscenza del nostro algoritmo e sapere come funziona. Si può anche pensare ad un fondo di solidarietà. Se una grande squadra paga 150 milioni un calciatore che ne vale 100, dovrà pagare una compensazione su quella cifra in eccesso da riconoscere al club di formazione", le parole di Poli al quotidiano spagnolo.