In campo domenica scorsa contro la Roma all'Olimpico, Juan Musso, portiere classe '94 dell'Udinese, potrebbe nella prossima stagione difendere i pali romanisti. Nei giorni scorsi, infatti, diversi rumors di calciomercato hanno accostato l'argentino al club capitolino, avanzando l'ipotesi di una bozza di accordo tra le due società in vista dell'estate. Musso, intervistato da Olé, ha parlato delle voci che lo vedono lontano da Udine. Di seguito, le sue dichiarazioni:

Nel mercato passato si parlava molto di club che ti volevano, comprese Inter o Roma, e non è successo. Ti ha frustrato?
"No, ferma tutto. Era qualcosa che mi piaceva, mi ha motivato molto perché significava che sto facendo qualcosa di buono. Sapevo che il portiere dell'Inter aveva ancora due anni di contratto (Handanovic, ndr), e forse quell'investimento si poteva fare in un altro momento. Ho sentito anche della Roma, ma tutto questo mi ha influenzato solo positivamente. Quel salto arriverà quando sarà necessario. Sono sicuro, è quello che voglio. Voglio giocare in una squadra abituata a stare in Champions, che ha motivi per lottare per il titolo. Questo è ciò a cui aspiro. Se deve accadere, arriverà al momento giusto".

Sembri convinto che questo passaggio arriverà.
"Sì, certo. Senza quell'illusione sarebbe molto difficile per me andare avanti. Uno ha bisogno di quel tipo di obiettivi. Come spero di arrivare a giocare per l'Argentina. Questo per me è fondamentale. Ma non significa che sono ansioso. Le cose, molte volte, accadono quando meno te le aspetti. Al Racing ho lavorato a lungo per essere il portiere titolare, ed è successo quando meno me lo aspettavo: quando è arrivato Agustín (Orion, ndr). Non si sa mai".