Congelate. Tutte le trattative, compresa quella per Reynolds. È l'altra conseguenza dei cinque giorni che hanno sconvolto la Roma, prima la devastante sconfitta nel derby, martedì scorso il ko in campo con tanto di pasticciaccio sostituzioni contro lo Spezia in coppa Italia. La proprietà ha fatto capire che è meglio prendersi un attimo di riflessione, cercare di rimettere insieme un po' di cocci, piuttosto che farsi prendere dalla fretta che quasi sempre è cattiva consigliera. Giusto, per carità, ma il mercato tra una decina di giorni chiuderà i battenti dando appuntamento alla prossima estate e sarebbe auspicabile, nel rispetto dei conti, che la Roma qualcosa facesse. Partendo dall'attaccante, ruolo prioritario da rinforzare, parola di Fonseca.

Già, Fonseca. Visto tutto quello che è successo, le richieste del portoghese inevitabilmente hanno perso forza. Del resto, con un tecnico che oggi come oggi è difficile immaginare possa esserci anche tra sei mesi, andare a prendere calciatori da lui indicati potrebbe rivelarsi un rischio. E con i conti della Roma, certi rischi è meglio non correrli. Ecco perché Bernard appare sempre più complesso che possa vestire la maglia giallorossa. La Roma sa che l'Everton è pronto a darlo. Sa anche che i dirigenti inglesi sarebbero pure disponibili a mettere in piedi uno scambio con Olsen. E sa ancora che l'affare si potrebbe fare senza esborso di soldi (a parte il notevole ingaggio del giocatore). Eppure nonostante tutte queste conoscenze, per quello che risulta, fino a ieri non c'è stato nessun contatto con il club inglese. Il procuratore, Adriano Spadotto, del brasiliano è ancora a Liverpool ma se non ci sarà un segnale entro un paio di giorni, saluterà.

Rimane quindi in piedi soltanto la pista che porta a El Shaarawy. Il giocatore, dato di ritorno a Roma dalla sua vacanza-lavoro a Dubai, attraverso il suo entourage sta cercando in tutte le maniera di rescindere il contratto che lo lega allo Shangai ancora per quasi diciotto mesi. Ma c'è una richiesta di buonuscita che i cinesi (a ragione) non hanno intenzione di riconoscere al Faraone. Il calciatore sa che la Roma è disponibile a prenderlo, ma soltanto se si presenterà a Trigoria con il cartellino gratuito. Ipotesi che al momento sembra tutt'altro che semplice.

Riguardo al possibile attaccante in arrivo, continuano a circolare voci di un interessamento della Roma nei confronti di Papu Gomez che, come è notorio, ha rotto pesantemente con l'Atalanta. A noi, sia fonti bergamasche che trigoriane, ci hanno smentito questa ipotesi. Ieri si è diffusa anche un'altra voce, questa volta per un giocatore in uscita. Ovvero Santon sarebbe stato richiesto dalla Sampdoria. Si aspettano conferme.