Continuano gli attestati d'affetto in Argentina per Daniele De Rossi. Lo storico numero 16 è stato infatti omaggiato dai ragazzi dello Sportivo Italiano con la loro maglia. Il club viene soprannominato "El Tano" (appellativo assegnato in Argentina a persone e squadre di origine italiana), proprio come Daniele De Rossi. 

La storia del club

La società venne fondata infatti a seguito di alcune iniziative di emigranti italiani a Buenos Aires. Nel 1950 Ettore Rossi, direttore del Corriere degli Italiani, organizzò nella capitale argentina la "Copa Fernet Branca", un torneo dedicato appunto agli emigrati italiani dove si affrontarono squadre che riprendevano i nomi delle più celebri squadre italiane (tra cui la Roma). 5 anni dopo una selezione dei migliori calciatori del torneo andò a formare la rosa di un vero e proprio club calcistico: l'ACIA (Associazione Calcio Italiano in Argentina). Il club diventò subito un'emanazione della comunità italiana in Argentina e nel 1978, a seguito di una fusione, il club cambiò nome in Deportivo Italiano e disputò una partita storica: l'amichevole contro l'Italia alla Bombonera davanti a 25 mila persone. La selezione di Bearzot giocò male la sua ultima partita prima dell'inizio del Mondiale e solo uno splendido tacco di Bettega salvò la faccia e il risultato.

La squadrà giocò anche una storica stagione in Primera División argentina nel 1986-87, che gli azzurri di Buenos Aires terminarono all'ultimo posto in classifica. Due anni più tardi giocarono il Torneo di Viareggio: tra di loro anche il ventenne Gabriel Omar Batistuta, in prestito dal Newell's Old Boys, che si fece notare per una tripletta ma anche per il rigore parato che mandò a casa gli azzurri d'oltreoceano.

Nel 2003 la squadra ha cambiato ancora il nome nell'attuale Club Sportivo Italiano e dal 2005 gioca all'Estadio República de Italia, inaugurato in amichevole contro il Boca Juniors.