La sosta internazionale rappresenta da sempre il territorio di caccia preferito dei rumours di mercato. Che sia una semplice suggestione o una notizia fondata, l'indiscrezione è sempre pronta ad insinuarsi nelle nostre menti, per colmare il vuoto lasciato dall'assenza di calcio giocato. Un discorso sempre valido che viene addirittura amplificato in questo periodo di fine autunno che precede di poche settimane l'apertura ufficiale del calciomercato invernale (dal 3 al 18 gennaio). Già da tempo vigili e operativi, i direttori sportivi in questi mesi seguono freneticamente anche il mercato degli svincolati, di quei calciatori in scadenza a giugno 2019 che a partire da gennaio potranno firmare per una nuova squadra in caso di mancato rinnovo. Mai come quest'anno, il menù si presenta ricco e variegato e merita un'analisi approfondita, ruolo per ruolo.

Difesa blindata

Protagonista di un Mondiale imbarazzante e di un avvio di stagione deludente, De Gea non ha ancora raggiunto un'intesa con il Manchester United e rappresenta un'occasione molto ghiotta, ma non per tutti. Nonostante la possibilità di partire a zero, infatti, l'elevato ingaggio percepito dallo spagnolo lo rende disponibile solamente per alcune big europee. Spesso seguito dal Real Madrid, che si è però sistemato con Courtois, De Gea piace molto al Bayern Monaco ma la sua voglia di Spagna potrebbe anche convincerlo a tornare all'Atletico Madrid al posto del corteggiatissimo Oblak. Attenzione poi al Psg che, nonostante gli ultimi positivi approcci, non ha ancora rinnovato il contratto di Areola, anche lui in scadenza. Cech, Ochoa e Tatarusanu si trovano nella stessa condizione dei due colleghi.
Nomi prestigiosi anche nella lista dei difensori in scadenza, dove spicca senza dubbio il profilo di Godin, che di recente ci ha tenuto a smentire con forza le indiscrezioni sul rinnovo già firmato. A proposito di Atletico Madrid, l'ex colchonero Alderweireld fatica a trovare l'accordo con il Tottenham e, come l'uruguaiano d'altronde, stuzzica le fantasie delle big inglesi e italiane. Rinato con la cura Sarri, David Luiz spera in una chiamata del Chelsea nei prossimi giorni perché non vorrebbe lasciare Londra. Rischia invece di farlo Nacho Monreal, terzino sinistro dell'Arsenal. Lo United si segnala come una delle squadre con più casi spinosi, visto che Matteo Darmian, Phil Jones e Chris Smalling hanno il contratto in scadenza. Sulle fasce, oltre all'ex Torino bisogna annoverare anche Filipe Luis, Alberto Moreno e Ashley Young. Molto vicino al Psg in estate, il brasiliano dell'Atletico piace all'Arsenal e alla Juventus, dove il suo agente Jorge Mendes ha già piazzato Cancelo e Ronaldo in estate.

Centrocampo e attacco

A centrocampo abbiamo sentito spesso parlare in questo periodo di Hector Herrera del Porto, accostato anche alla Roma, ma il messicano non è l'unico grande nome della lista. Oltre all'altro Herrera (Ander), nello United c'è anche Mata. Spostandoci a Londra, Ramsey (Arsenal), Fabregas (Chelsea) e Dembélé (Tottenham) rappresentano un terzetto niente male, anche se il nome che sembra mettere d'accordo tutti è quello di Rabiot, ai ferri corti con il Psg. In attacco, Brahimi (Porto), Martial (United), Muniain (Athletic Bilbao) e Salvio (Benfica) incarnano la giusta commistione tra velocità e tecnica, mentre Giroud (Chelsea) è pronto a portare lotta e centimetri in area di rigore.