"Tornare in Premier League? Forse è tardi ma non si sa mai...", Edin Dzeko non chiude ad un possibile ritorno in Inghilterra in un intervista a Sky Sports News. L'attaccante della Roma ha parlato dal ritiro della Bosnia dove domani affronterà l'Irlanda del Nord per la fase a gironi della Nations League.

"Ho passato quattro anni e mezzo lì e ci siamo divertiti ogni minuto di ogni partita - ha detto il bomber -. Adoro la Premier League e l'Inghilterra, quindi vedremo, ma al momento sono felice a Roma". Il bosniaco sta benissimo a Roma e sta pensando anche a prolungare il suo contratto fino al 2020.

Edin Dzeko, attaccante della Roma, ha parlato in conferenza stampa prima di Bosnia Irlanda del Nord, un avversario da non sottovalutare:"Certo, conosco la loro mentalità e non possiamo aspettarci che siano stanchi perché sono abituati al ritmo forte. Dobbiamo giocare molto meglio rispetto alla prima partita e penso che possiamo farlo in una buona atmosfera".

Il bomber giallorosso è uno dei calciatori più rappresentativi della storia del calcio bosniaco ma non si fa illusioni: "I record sono lì per decifrare, sono sicuro che qualcuno supererà i miei. La cosa più bella per tutti i giocatori è quella di giocare per la propria patria, io ci sono attualmente e finché il selezionatore mi vuole darò il massimo. Sono sicuro che verrà il momento in cui verrà qualcuno più forte  e mi sostituirà".

Dzeko però si sente importante, nella Roma come nella Bosnia, ed è consapevole del suo peso: "Quando si tratta di relazioni con altri giocatori, penso di avere un impatto su di loro, ma devi chiedere a loro". L'attaccante poi lancia un messaggio ai compagni: "Sappiamo che siamo arrivati al Mondiale, ma c'è un campionato europeo dove non siamo mai arrivati e questo è un obiettivo chiaro sia per l'allenatore che per i giocatori. Possiamo e dobbiamo dare il massimo in allenamento e nelle partite".

Una motivazione in più per il bomber arriva dalla consapevolezza che questa potrebbe essere l'ultima occasione di giocare una grande competizione con la sua nazionale: "La Nations League è molto importante perché abbiamo la possibilità di andare all'Europeo, e spero che dopo la Nations League andremo alla in questa grande competizione. Potrebbe essere l'ultima per me".

di: La Redazione