Il terzino giallorosso Davide Santon ha parlato nel post-partita, commentando la vittoria (3-1) contro la Lazio:

Il tuo primo derby a Roma, diverso rispetto a quello di Milano. Ma il tuo è stato un grande esordio. Una vittoria meritata. 
"Sì, vittoria meritatissima. Diciamo che questo derby era un po' diverso da quello di Milano, anche solo per il periodo che stavamo passando. Dopo la vittoria di mercoledì diciamo che non era passato il brutto periodo. Oggi era fondamentale vincere e ce l'abbiamo fatta. Non significa che abbiamo raggiunto qualcosa, perché martedì si gioca ancora e si deve continuare a vincere".

Si è mantenuto sempre lo stesso equilibrio anche con i cambi di modulo e di giocatori. Avete lavorato molto bene in questi giorni. 
"Abbiamo provato diversi moduli, sapevamo quello che c'era da fare in campo, sapevamo quello che avrebbe fatto la Lazio. Abbiamo cercato di limitare le loro potenzialità per poi reagire, oggi abbiamo fatto quello che dovevamo fare. Abbiamo raggiunto una vittoria che per noi, per la città e per i tifosi dà morale per le prossime partite".

Oggi ti aspettavi di giocare dopo la partita con il Frosinone? Questa è una dimostrazione di grandissima fiducia da parte del mister.
"Ieri avevamo già provato qualcosa, me l'aspettavo. Poi la formazione il mister la dice la mattina, prima della partita. Quando mi ha messo in campo ho sentito subito l'importanza della gara. Non giocavo due partite in tre giorni da tantissimo tempo, nella ripresa un po' di fatica c'era, ma ho stretto i denti. Io e i compagni volevamo questa vittoria, il mister aveva già fatto i cambi, c'era qualcuno che non stava tanto bene e ho resistito fino alla fine. Abbiamo portato la vittoria a casa.".

Hai lottato duramente e ti sei messo sempre a disposizione. Meriti di giocare titolare.
"Ti ringrazio di cuore, grazie veramente".

Basta complimenti, troppi fanno male (ridono, ndr)
"Verissimo, non fanno bene. Oggi abbiamo vinto ma non abbiamo fatto niente. Piedi per terra e pedalare. Dobbiamo continuare a vincere".