C'erano una volta Sky e Mediaset Premium, che per anni si sono spartiti partite e telespettatori. Ognuna con la propria offerta. Venne poi il bando della Lega, l'ultimo, che voleva portare il calcio italiano a livello europeo, almeno per quanto riguarda la tv. Con un intento ben preciso: quello di non creare un operatore monopolista, ma fare in modo che fossero (almeno) due i player televisivi. Nasce così il doppio abbonamento, uno con Sky e uno con Dazn, la nuova piattaforma streaming, che ha sdoganato definitivamente il calcio su Internet. Doppio abbonamento significa doppia spesa: una per vedere le 7 partite che ogni giornata Sky manda in onda e un'altra per le restanti tre di Dazn. In barba a tutte le promesse, e le successive trattative, l'utente che volesse vedere tutto il calcio di serie A in tv deve abituarsi a ragionare su più piani e, soprattutto, più tecnologie.

Nel suo piccolo, una rivoluzione, sebbene circoscritta alla tv. Un cambiamento che va a influire anche sulle tasche dei tifosi. Un sito, SosTariffe.it, ha determinato quanto peserà la nuova stagione calcistica in tv sui conti degli italiani. Gli utenti che vorranno abbonarsi, o lo hanno già fatto, per seguire dal divano la stagione calcistica 2018-19 dovranno sborsare una cifra che è circa il doppio di quella sborsata lo scorso anno. Soldi che serviranno per sottoscrivere i due abbonamenti con Sky e Dazn. Secondo l'analisi effettuata da SosTariffe.it, l'aumento, rispetto all'ultima stagione, è pari al 95,8%. Questo perché il costo mensile è salito a 42,89 euro, mentre lo scorso anno erano sufficienti 21,90 euro.

Le rilevazioni sono state condotte a fine agosto 2018 sulla base di dati ricavati dai portali web dei provider presi in considerazione. I canoni medi indicati sono stati calcolati sui prezzi in promozione riservati ai nuovi clienti e riferiti a uno o più abbonamenti necessari per guardare gli eventi sportivi.

Il nuovo assetto televisivo non comporta rincari per tutti, c'è anche qualcuno che potrà beneficiarne. Notizie positive ad esempio, arrivano per i tifosi interessati esclusivamente al campionato di Serie B: mentre lo scorso anno avrebbero dovuto metter mano al portafogli consumando 21,90 euro, quest'anno riusciranno a non perdersi neanche un gol con soli 9,99 euro, pari all'abbonamento di DAZN, risparmiando circa il 55%.

Non male anche la situazione per chi desidera seguire la Champions League: il costo rimane uguale a quello dello scorso anno, ovvero 19,90 euro al mese. Così come rimane pressoché invariata anche la spesa di chi intende seguire tutti o quasi, gli eventi sportivi della stagione: Serie A, Champions ed eventualmente Serie B. Vedere tutti i match quest'anno porterà via quasi 43 euro a fronte dei 42 euro dello scorso anno.

C'è pure una terza via, figlia dell'accordo Sky-Mediaset della scorsa stagione e prevede la possibilità di vedere la tv di Murdoch sul digitale terrestre. Seguire il 70% degli incontri del campionato, ai quali vanno aggiunti i match della Champions League, costa 15 euro per il pacchetto calcio più 19,90 euro al mese per l'offerta Sky TV + Sport, quest'ultimo in promozione per i primi sei mesi (dopo salirà a 29.90 euro).

Chi invece volesse sottoscrivere un nuovo abbonamento Sky utilizzando la piattaforma satellitare, dunque con l'installazione della parabola, o sfruttando la connessione internet tramite rete in fibra ottica, dovrà sborsare 29,90 euro al mese. Trattamento simile per chi decide di seguire il campionato su Now Tv, la piattaforma di internet tv di Sky che consente di seguire gli incontri in live streaming e in modalità on-demand. Per seguire la Serie B, Dazn propone per chi è già cliente Sky da più di un anno, un abbonamento a 7,99 euro al mese. Basteranno per seguire il restante 30% delle partite di Serie A e tutti gli incontri di Serie B.