Le parole di Kevin Strootman subito dopo la sconfitta contro il Real Madrid, nell'ultima gara dell'International Champions Cup, che ha visto la Roma giocare contro Tottenham, Barcellona e appunto, i Blancos. Ecco le sue parole:

Gli aspetti positivi e negativi della partita
"Noi sappiamo che Real Madrid è forse la squadra più forte in Europa, hanno vinto 3 Champions, ma potevamo fare meglio. Loro erano più freschi e più pronti e hanno fatto bene. Hanno cominciato bene, poi abbiamo preso un po' in mano la partita ma dobbiamo fare meglio. Abbiamo fatto tanti allenamenti, anche stamattina, ieri doppio. Dobbiamo essere pronti per il campionato. Abbiamo 9 giorni, adesso torniamo a Roma e dobbiamo essere pronti per la prima partita".

Uscite fuori alla distanza?
"Questo è vero. Dopo gli allenamenti non eravamo freschi per la partita e l'abbiamo visto. Poi ti fanno subito gol e diventa difficile. Abbiamo avuto tante occasioni, non abbiamo subito gol e purtroppo abbiamo perso ma abbiamo fatto una buona tournée. Abbiamo lavorato forte e siamo pronti".

Otto gol subiti in tre partite. Solo stanchezza o altro?
"Non possiamo prendere 8 gol in campionato nelle prime 3 partite. Abbiamo cambiato spesso la formazione con nuovi giocatori e dobbiamo ancora migliorare e lavorare e parlare insieme come stiamo facendo. E' un caso, giocando con grandi squadra appena sbaglia fanno gol. L'unica cosa che possiamo fare è lavorare forte come ho detto prima".

Non concretizzate molto
"Adesso ancora no anche se col Barcellona abbiamo fatto 4 gol, quindi non è così male. Oggi purtroppo no, ma la cosa che conta è la prima partita di campionato".

Quest'anno c'è grande concorrenza a centrocampo, ti senti abituato a lottare per il posto, essendo sempre stato un titolare fisso?
"Quest'anno ne abbiamo bisogno se vogliamo lottare per tutte e 3 le competizioni. Dobbiamo essere pronti, abbiamo forse 25 giocatori forti e tutti possono giocare. Il migliore gioca, a Roma è sempre andata così e succederà anche quest'anno. Forse siamo migliorati rispetto allo scorso anno e dobbiamo dimostrarlo".

Come vedi Kluivert?
"Sta facendo bene. Deve imparare ancora l'italiano per capire le cose che vuole il mister. E' diverso da quello a cui è abituato in Olanda, ma sta facendo bene e vuole imparare. Anche Karsdorp e questo è importante per noi".