14 calciatori in prestito tra principali campionati europei e Serie B. È questo il bilancio delle cessioni a titolo temporaneo della società giallorossa. Alcuni di questi sono stati ceduti con diritto ed obbligo di riscatto (Under, Cetin) altri, soprattutto i giovanissimi provenienti dalla primavera, con la formula del prestito secco. Esaminiamo allora le prestazioni dei "giallorossi emigrati", decisive per il loro futuro e per quello della Roma.

Viaggiando in Premier League troviamo Cengiz Under Robin Olsen, rispettivamente a Leicester ed Everton. L'esterno turco non riesce a replicare le ottime recenti prestazioni: dopo aver disputato 60 opachi minuti nella sfida persa 2-0 contro l'Everton, Rodgers lo lascia in panchina per tutti i 90' nel big match contro il Tottenham, vinto dai Foxes per 2-0. Sabato avrà una grande occasione per riscattarsi e guadagnarsi la riconferma, con la sua squadra impegnata nello scontro al vertice con il Manchester United. Chi ha goduto della scarsa vena realizzativa di Under e compagni nel turno infrasettimanale è stato sicuramente Robin Olsen. Il portiere svedese, alla seconda presenza con l'Everton, ha centrato il primo clean-sheet stagionale proprio nella gara che lo ha visto opporsi all'ex compagno ai tempi della Roma. Ha poi restituito la titolarità al compagno di reparto Pickford nella gara disputata sabato contro l'Arsenal.

In Portogallo l'unico rappresentante capitolino è Daniel Fuzato, portiere del Gil Vicente. L'estremo difensore brasiliano non è ancora sceso in campo con la sua nuova casacca, superato nelle gerarchie dal connazionale e compagno di reparto Denis. Non è riuscito a esordire nemmeno questa settimana, complice la difficoltà della partita, persa comunque 2-0 contro il Benfica.

Spostandoci in Ligue 1 troviamo due ex giallorossi: Alessandro Florenzi e Steven Nzonzi. Entrambi partono titolari in tutte le partite diputate in settimana dalle loro squadre, Psg e Rennes. Il difensore italiano interpreta il ruolo di esterno destro nel centrocampo a 5 sia nella gara vinta 2-0 contro il Lorient che negli 87' giocati nel big match con il Lilla capolista, dal quale è uscito in anticipo a causa di una distorsione alla caviglia sinistra, dovuta allo scontro fortuito con il compagno di squadra Kehrer. Con i 4 punti ottenuti nelle due gare il Psg mantiene saldo il terzo posto in classifica. Chi riesce a compiere un importante balzo in avanti è il Rennes, guidato dall'ormai insostituibile Nzonzi. Il centrocampista parte dall'inizio da otto gare consecutive e disputa due buonissime prestazioni nei match contro Marsiglia e Lorient. Nella gara infrasettimanale contro la squadra di Villas Boas guida il centrocampo dei rossoneri totalizzando 80 passaggi riusciti, mentre nella gara contro "Les melus" serve a Da Silva l'assist per la rete che sblocca la partita. Il Rennes si porta così al quinto posto in campionato, a -5 dalla testa della classifica. Settimana sfortunata per Justin Kluivert, ora al Lipsia. L'esterno offensivo olandese subentra al 46' nella partita contro l'Hoffenheim ma dopo 30' è costretto ad abbandonare il terreno di gioco a causa di un fastidio al polpaccio. Non è quindi stato convocato da Nagelsmann per la gara interna pareggiata contro il Colonia e come annunciato dalla società tedesca non sarà a disposizione nemmeno per la partita di domani contro l'Augusta. Kluivert non riesce così a dare continuità alle ottime esibizioni messe in piedi contro Bayern Monaco, Manchester United e Werder Brema. Lo rivedremo all'opera solamente ne 2021.

In Serie A ritroviamo Mert Cetin, ora al Verona. Il centrale di difesa turco è finalmente tornato a disposizione di Juric ed è stato portato in panchina, pur non essendo ancora al meglio, nella partite contro Sampdoria e Fiorentina. Cetin è tornato ad allenarsi in gruppo e sembra così essersi messo alle spalle il problema muscolare e quello alla coscia che lo tengono fuori dall'inizio di novembre. Potrebbe tornare in campo per uno spezzone di partita nel difficile impegno di mercoledì sera contro l'Inter. È in Serie B, come prevedibile, che si concentra la più alta percentuale di calciatori della Roma in prestito. Quello monitorato con maggiore attenzione dalle parti di Trigoria è senza dubbio Alessio Riccardi. Il centrocampista continua a non trovare spazio nonostante il cambio allenatore avvenuto nel Pescara, ed è rimasto in panchina per tutti i 90' nei quali i "Delfini" si sono imposti sul Monza. Restano bloccati a poco più di 60 i minuti disputati in stagione. Altro nome interessante è quello di Mirko Antonucci, che nella parentesi in prima squadra è riuscito anche nell'esordio in Europa League. L'esterno italiano non è sceso in campo nello scontro tra la sua Salernitana seconda e il Frosinone terzo in campionato, come accaduto anche nel turno infrasettimanale con il Lecce. Anche lui come l'ex compagno Riccardi ha fin qui collezionato poco più di 60 minuti in stagione. Si sono invece rincontrati in campo i due ex giallorossi Zan Celar e Devid Bouah, nella gara tra Cremonese e Cosenza. L'attaccante sloveno ha disputato 30' del match, battendo il difensore che è sceso in campo per 15'. Celar era invece partito titolare nella gara di mercoledì persa dalla sua Cremonese contro l'Empoli, giocando bene e facendosi notare per un cartellino giallo. Aveva disputato solamente 6' minuti Bouah nella vittoria della sua nuova squadra contro l'Ascoli. Perde entrambe le gare della settimana Salvatore Pezzella con la Reggiana, collezionando poco più di 60' totali: 58' da titolare nella sfida con il Frosinone e 10' nella sconfitta rimediata con il Brescia.

Fuori dal coro troviamo Ante Coric, catapultato al VVV-Venlo, in Eredivisie, e William Bianda, arrivato con molte aspettative per una cifra vicina ai 10 milioni di euro e ora allo Zulte Waregem, che disputa il massimo campionato belga. Il centrale di difesa francese è il protagonista in negativo del weekend: tornato titolare dopo tre panchine consecutive decide di festeggiare facendosi espellere dopo i due cartellini gialli presi al 48' e al 61'. Potrà godersi in pace il Natale, dato che non sarà a disposizione del tecnico per la sfida del Boxing Day contro il Cercle Brugge. Se la scorsa settimana la notizia di giornata era il ritorno tra i convocati di Ante Coric, indisponibile dallo scorso 30 ottobre, rimasto in panchina in entrambi i match settimanali del suo Venlo. Il centrocampista croato non è evidentemente ancora al meglio della forma, potrà ritagliarsi sicuramente più spazio nel 2021.