Mino Raiola è stato deferito dalla Procura Federale per alcune frasi ingiuriose rivolte alla Nazionale Italiana e a Gigi Di Biagio, ct all'epoca dei fatti. L'episodio risale ad un'intervista radiofonica rilasciata dal procuratore lo scorso 20 marzo. Queste le frasi finite sotto accusa: "Questa Federazione fa schifo", "Questa Nazionale fa schifo", "Di Biagio è senza carattere ed in confusione totale come lo era Ventura", "Buffon viene selezionato con motivazioni che invece non valgono per Balotelli quindi si adottano due pesi e due misure", "servirebbe un direttore sportivo che si occupi della nazionale che è piena di gente scarsa". Dichiarazioni mai smentite da Mino Raiola. Oggi è arrivata la sentenza che recita: "Il Procuratore Federale ha deferito al Tribunale Federale Nazionale-Sezione Disciplinare Carmine Raiola, all'epoca dei fatti persona che svolgeva attività rilevante per l'ordinamento federale, per avere proferito espressioni denigratorie nei confronti della FIGC, del Ct della Nazionale maggiore e della stessa immagine del sistema calcistico italiano".