Javier Pastore ha deciso: anche a Roma, come nel Psg, vestirà il 27, numero preferito di sua madre. "El Flaco" lo indossa ormai da otto anni: lo scelse nella sua seconda stagione al Palermo e da quel momento in poi – salvo nella stagione 2014/15, in cui giocò con il 13 – non se ne è mai separato.

Da De Rossi a Gervinho

Un numero, il 27, molto evocativo in casa giallorossa: basti pensare che è sulle spalle di Capitan De Rossi quando, il 30 ottobre del 2001, fa il suo esordio assoluto contro l'Anderlecht in Champions League. Un anno e mezzo dopo, nel gennaio 2003, arriva anche la prima in Serie A per DDR, titolare a Como. Nell'estate del 2004, invece, la bandiera romanista passa al 4. Una sola stagione, prima di optare per lo storico 16 che lo accompagna ormai da tredici anni.

Dalla linea mediana alla porta: nel 2006 il 27 passa a Julio Sergio Bertagnoli, l'estremo difensore brasiliano che, dopo tre stagioni da terzo ("il miglior terzo portiere del mondo", lo definisce Spalletti), si ritrova a fare il titolare nella cavalcata della Roma di Ranieri. Dal rigore parato a Floccari nel derby alle lacrime di Brescia dopo l'infortunio al piede, il ragazzo di Ribeirao Preto conquista l'affetto di tutti i tifosi.

Amore a prima vista anche con Gervinho, che nell'estate del 2013 arriva nella Capitale su specifica richiesta del nuovo tecnico Rudi Garcia. L'ivoriano, con i suoi dribbling e la sua velocità, è tra i protagonisti della grande stagione romanista. L'esterno d'attacco però non si conferma nell'anno e mezzo seguente e, dopo l'esonero dell'allenatore transalpino, si trasferisce in Cina.

Tinte verdeoro

Pastore sarà il primo argentino a indossare il 27 della Roma, che ha invece una consolidata tradizione tra i colleghi brasiliani. Oltre al già citato Julio Sergio, il numero è stato indossato da Fabio Junior, arrivato nel gennaio del '99 con l'appellativo di "Uragano": nonostante un buon avvio, però, l'attaccante non giustificherà i 30 miliardi di lire spesi da Sensi per prelevarlo dal Cruzeiro (dove tornerà nel 2000).

Destino simile per Dodò, portato a Roma da Walter Sabatini nell'estate del 2012: il terzino sinistro, ventenne e reduce da un infortunio al ginocchio, colleziona 15 presenze (6 da titolare) tra campionato e Coppa Italia alla sua prima stagione, quindi decide di passare al numero 3.

CRONOLOGIA DEL NUMERO 27 NELLA ROMA:

1996/97: Matteo Pivotto
1998/99-1999/00: Fabio Junior
2000/01: Alessandro Zamperini
2001/02-2003/04: Daniele De Rossi
2004/05: Andrea Briotti
2006/07-2010/11: Julio Sergio Bertagnoli
2012/13: Dodò
2013/14-2015/16: Gervinho
2016/17: Federico Ricci