Paris Saint-Germain e Roma hanno intrapreso il rettilineo finale della trattativa per Javier Pastore. L'arrivo in Italia, mercoledì scorso, di Antero Henrique, direttore sportivo del Psg, ha dato un ulteriore impulso alle negoziazioni, al punto che nei prossimi giorni, a meno di clamorosi colpi di scena, El Flaco sbarcherà (probabile lunedì) in Italia per la sua seconda avventura in Serie A dopo i due anni palermitani. Ricevute tutte le rassicurazioni del caso nell'incontro con il dirigente portoghese, Marcelo Simonian continua a mantenere un profilo basso, scottato forse dal mancato approdo del suo assistito all'Inter lo scorso gennaio. Una situazione distante anni luce da quella attuale, visto che la Roma si è detta disposta a mettere sul piatto della bilancia praticamente tutto il ricavato dell'affare Nainggolan (l'operazione Pastore si attesterà sui ventiquattro milioni, venti più quattro di bonus), nonostante un contratto in scadenza tra poco più di un anno.

Apprezzata anche da Frederic Massara, che insieme a Walter Sabatini portò il ventinovenne a Palermo, il profilo di Pastore non è l'unico monitorato in casa Psg. Sul mercato c'è anche Alphonse Areola, chiuso dall'ormai imminente annuncio di Gigi Buffon. Il venticinquenne piace molto a Trigoria, ma non solo. Sfruttando il blitz italiano di Henrique e il precedente viaggio di De Laurentiis a Parigi, il Napoli ha compiuto passi molto concreti con il club. Vista la necessità di incamerare risorse entro il 30 giugno, il Psg non ha chiuso le porte a nessuno e un'eventuale asta di mercato verrebbe accolta con molto entusiasmo. Da Amsterdam intanto rimbalzano le dichiarazioni del tecnico dell'Ajax Erik Ten Hag a Voetbal International «La dirigenza mi ha garantito che sta facendo di tutto per mantenere questa rosa anche il prossimo anno. Oltre a Kluivert e Ziyech credo non partirà nessuno».

Le cessioni

Nel giorno delle visite mediche di Antonio Mirante a Villa Stuart, Bologna e Roma hanno ufficializzato un'operazione perfezionata in tutti i dettagli in precedenza, annunciando la cessione a titolo definitivo alla squadra emiliana di Arturo Calabresi. Il difensore ha firmato un contratto fino al 30 giugno del 2022. Dopo gli estenuanti tira e molla dei giorni passati, Bruno Peres si è deciso a sposare la causa Torino per la seconda volta in carriera.