Fabio Liverani ha parlato della partita di domani che vedrà scontrarsi il suo Parma contro la Roma. L'allenatore dei ducali, fermi a 6 punti dopo sette giornate disputate, è intervenuto in conferenza stampa tramite i canali ufficiali del club emiliano. Ecco le sue parole:

Come arriva la squadra alla partita? 
"La squadra arriva avendo fatto qualche allenamento tutti insieme, come tutte le squadre che hanno calciatori convocati con le nazionali. Sulla partita di domani siamo arrivati da venerdì. In queste due settimane però abbiamo lavorato, con chi è rimasto e ha avuto continuità di allenamento. Il gruppo sta iniziando a conoscersi meglio. Il nostro obiettivo più grande è mantenere tutto questo fino alla sosta, ci aspettano in campionato sette partite più quella di Coppa Italia".

Come ha ritrovato i vari calciatori convocati con le rispettive Nazionali?
"Sono andati tutti abbastanza bene. Gervinho ha fatto gol dopo la prima vittoria e poi è rientrato. Kucka ha passato il turno per andare all'Europeo e credo che sia un obiettivo molto importante che gli dà entusiasmo. Kurtic è quello che ha giocato di più ed è stato promosso in Nations League. Lo stesso Osorio ha fatto due partite di qualificazione al Mondiale vincendone una. Credo che questo giocare e portare chilometri oltre che minutaggio possa aiutarli anche se magari, qualcuno, può arrivare un po' più stanco".

Che Roma sarà quella che affronterà il Parma domani? 
"La Roma in questo inizio di campionato, nelle gare ufficiali ed esclusa la gara persa a tavolino con l'Hellas Verona, è l'unica squadra imbattuta e questo dice molto sulla loro identità. L'allenatore è molto bravo, la continuità del lavoro dallo scorso anno ha fatto sì che trovassero anche quest'anno una certa continuità. Hanno messo qualche tassello di grande qualità ed esperienza proprio per far crescere la squadra. È un impegno ostico per noi ma è anche una gara in cui vogliamo capire a che punto siamo della crescita, sia di personalità sia di calcio. Credo che sarà una partita bella da vedere e il campo poi ci dirà a che punto siamo. Sarà comunque l'ottava partita ed è un incontro per poi stabilire, a dicembre, a che punto siamo. Nell'ultima settimana ho visto degli allenamenti belli, intensi. Credo che la strada sia quella giusta".