Lo stadio è lo stesso in cui si è messo in luce in Serie A, anche se ora ha cambiato denominazione: Leonardo Spinazzola torna a Bergamo, stavolta con la maglia della Nazionale che domani alle 20.45 affronta l'Olanda, e spera in una maglia da titolare. Nella città che per prima ha dovuto fare i conti con la pandemia, gli Azzurri vanno a caccia di una vittoria che metterebbe una seria ipoteca sul primo posto nel girone di Nations League.

Il laterale giallorosso si candida per giocare dal primo minuto: essendo in grado di giocare sia a destra sia a sinistra, può sostituire uno tra Florenzi ed Emerson Palmieri. Anche perché proprio contro gli arancioni, il 7 settembre scorso, Leonardo era risultato tra i migliori in campo: schierato a sinistra da Mancini, aveva messo in serie difficoltà l'atalantino Hateboer, più portato alla spinta che alla copertura. Anche perché il Ct azzurro sta prendendo in considerazione un mini-turnover contro la squadra ora guidata da Frank de Boer, e il ventisettenne di Foligno spera di rientrare nella rotazione.

Hanno meno chance di giocare gli altri romanisti Mancini, Cristante e Lorenzo Pellegrini: dopo aver tenuto a riposo Chiellini, reduce da una botta alla caviglia nell'allenamento di venerdì, il "Mancio" valuta il reinserimento dello juventino al centro della difesa con Bonucci. Per quanto riguarda il centrocampo, Jorginho e Verratti appaiono inamovibili, mentre per la terza maglia è ballottaggio tutto interista tra Barella e Sensi.

Dopo la prova da esterno d'attacco con la Polonia, il numero 7 giallorosso è destinato ad accomodarsi in panchina, per fare spazio a uno tra El Shaarawy e Kean; dalla parte opposta Berardi insidia Chiesa, mentre al centro del tridente è ballottaggio tra Immobile e Caputo.

Fuori dai giochi Belotti, squalificato, e Lazzari, che ha riportato un infortunio nell'allenamento di ieri: entrambi lasciano il gruppo per raggiungere i rispettivi club. Il resto della squadra è rientrata nella serata di ieri in Italia. In mattinata l'allenamento in terra polacca: defaticante con massaggi e piscina per chi ha giocato, lavoro sul campo per tutti gli altri. Alle 17.30 circa la partenza alla volta di Bergamo. Il

programma odierno prevede la conferenza stampa di Mancini alle 18, e a seguire la rifinitura al Gewiss Stadium. Per quanto riguarda gli olandesi, de Boer parlerà alle 16.30, mentre alle 17 ci sarà l'allenamento. Nonostante le porte chiuse, per la Nazionale sarà una sfida emozionante: le immagini di Bergamo durante i difficili mesi di pandemia sono ancora vive nel ricordo di tutti. Per questo si è voluto fortemente giocare al Gewiss: un gesto simbolico, per un abbraccio virtuale a un popolo intero.