Dan e Ryan Friedkin continuano la loro immersione nel mondo Roma. In attesa di chiarire gli assetti societari in ambito sportivo, a inizio settimana sono arrivate le proposte per il prossimo CdA della Roma che dovranno essere ratificate con l'assemblea degli azionisti del 29 settembre. Un gruppo di quattro donne e quattro uomini che formeranno il cerchio magico dei Friedkin. Dan e Ryan hanno bisogno di poche presentazioni.

Il primo ha ereditato la Gulf States Toyota dal padre accrescendo l'impero di famiglia e allargando gli interessi del gruppo anche all'aviazione e all'entertainment. Il figlio ha seguito le sue orme nelle attività di famiglia: siede nel CdA del Friedkin Group, è ai vertici della casa produttrice Imperative Entertainment e ora seguirà da vicino le sorti della Roma. Il rampollo di casa Friedkin è già pronto a trasferirsi in pianta stabile nella Capitale. Al loro fianco altri tre fedelissimi.

Marc Watts, il braccio destro di Dan, abbiamo imparato a conoscerlo a febbraio, nei giorni caldi della trattativa, prima che la pandemia rinviasse il closing. È stato lui a guidare la colonia texana in quei giorni e a limare i dettagli dell'affare. È il presidente del gruppo Friedkin e in Texas è considerato un manager di spicco: il governatore Greg Abbott lo ha voluto nella "Strike Force to Open Texas", un gruppo di personalità di alto profilo che ha avuto il compito di indicare la strada per la riapertura nella Fase 2. Se Watts è il braccio destro, Eric Williamson è sicuramente quello sinistro. Non a caso lo sta accompagnando anche in questa gita romana. Ha passato oltre 24 anni nella Gulf States Toyota scalando posizioni dal basso fino a diventare il direttore di tutte le operazioni che riguardano la flotta di autovetture Toyota all'interno degli Stati del Golfo. Dal 2012 è vicepresidente del gruppo Friedkin. Il terzo volto made in Usa è quello di Analaura Moreira-Dunkel, manager con un lungo passato in JP Morgan. Dal 2012 è vicepresidente della Tesoreria del Friedkin Group.

La continuità è rappresentata da Guido Fienga che ha conservato la sua poltrona nel consiglio d'amministrazione e il ruolo di Ceo del club. L'altra sopravvissuta del vecchio CdA è l'avvocato Benedetta Navarra, specializzata in Diritto Societario. La sua precedente nomina era stata appoggiata da Unicredit (di cui presiede un collegio sindacale) ma curriculum e competenze le sono valsi la riconferma. Gli altri due volti nuovi sono quelli di Mirella Pellegrini, avvocato con un lungo trascorso universitario e ora anche consigliere d'amministrazione di Enel, e Ines Gandini, avvocato tributarista con un passato in Chiomenti, lo studio legale che ha supervisionato la trattativa per la cessione della Roma.