"Dispiace che questa partita arrivi in un momento un po' particolare, né noi né l'Italia siamo al 100%, per quanto ci riguarda ci mancano molti giocatori fra cui Pjanic. Comunque cercheremo di ripetere, risultato a parte, la bella prestazione fatta a Torino contro gli azzurri". Così Edin Dzeko, capitano della Bosnia, alla vigilia della gara contro l'Italia. "Florenzi ha detto che se sarà necessario non esiterà a darmi un calcione e lo stesso potrei fare io? Alessandro è un amico e lo resterà sempre. Detto questo, fa sempre piacere giocare contro l'Italia, purtroppo però adesso non siamo al massimo", ha concluso il bosniaco.

"Queste due gare arrivano in un momento non positivo - ha detto poi il centravanti della Roma a Rai Sport -, siamo ancora tutti in preparazione. Ogni anno si parla del mio addio alla Roma, ma non è il momento di parlare di mercato. Giocare con Cristiano Ronaldo a 34 anni? Posso dire che mi sento bene e sono orgoglioso di questo. L'Italia è forte, li conosciamo. Speriamo che anche loro siano in ritardo fisicamente e nelle nostre stesse condizioni. Domani non so cosa aspettarmi, per tanti ragazzi sarà la prima partita stagionale".