Il terremoto in casa Juventus che ha travolto Sarri a quanto pare lascerà integro nelle sue funzioni il ds Fabio Paratici, uno che in questa fase di transizione (per la Juve, ma in questo caso ci interessa soprattutto il riflesso sulla Roma) dalle parti dell'Eur avrebbe potuto far comodo. Ma alle esigenze di affrettare i tempi che hanno spinto la Exor ad affrontare l'ennesima eliminazione dalla Champions cambiando immediatamente la guida tecnica, non corrispondono tempi altrettanto brevi a Roma dove pure c'è da procedere a una vera e propria rivoluzione.

Il nome nuovo per la poltrona di direttore sportivo è quello di uno spagnolo, Victor Orta, e basterebbe segnalare che è colui che ha voluto Bielsa al Leeds per definirne competenza e lungimiranza. Eppure la Roma sembra non aver fretta, anche se le scadenze della nuova stagione si avvicinano. Nel week-end non si prenderanno decisioni anche perché il vecchio proprietario non è ancora formalmente andato via e il nuovo non s'è ancora insediato e questa transizione lascia ancora tanti nell'incertezza.

L'eliminazione, e in quella maniera, dall'Europa League ha preso tutti in contropiede. La sconfitta di Duisburg ha costretto tutti ad una immediata riflessione dalla quale sembra comunque esentato Paulo Fonseca, al momento saldo sulla sua panchina. Non che non gli debbano essere rimproverati precisi addebiti, ma al momento prevalgono più le attenuanti. Il portoghese in queste settimane di interregno dopo la sospensione di Petrachi è stato coinvolto in prima persona nelle questioni di mercato, delegate a Baldini con il supporto di De Sanctis con piena condivisione proprio dell'allenatore. Dunque quella di Sarri, al momento, è solo una suggestione.

Ma ora dovrà sicuramente arrivare un nuovo direttore sportivo (anche per obblighi regolamentari) e a quanto emerso ieri, nonostante i solidi rapporti personali con l'ad Guido Fienga, non sarà Fabio Paratici, destinato a restare a Torino almeno un altro anno. Il mercato della Roma continua al momento essere incentrato soprattutto sulle cessioni, anche per la più agevole modalità operativa scelta: Fienga ha infatti notificato agli agenti dei vari giocatori ritenuti in vendita (con percentuali di speranza ovviamente differenti) i diversi parametri da raggiungere e sono ora sostanzialmente loro a fungere da intermediari. Degli acquisti si dovrà occupare invece la nuova gestione e, nel frattempo, il riferimento per Fienga resta Pallotta. Presto però arriverà l'indicazione per il nuovo ds. E l'ultimo nome fatto è quello di Victor Orta. Staremo a vedere.