Domani si gioca Roma-Fiorentina. Il tecnico della Viola Giuseppe Iachini ha rilasciato delle dichiarazioni ai canali ufficiali del club, anticipando i temi della gara. Ecco le sue dichiarazioni alla vigilia della gara dello Stadio Olimpico.

Chi teme di più tra i giallorossi?
"La Roma è un avversario molto forte perché è una squadra che si è ritrovata, ha fatto ottime partite e ha un ottimo allenatore come Fonseca che ha dato equilibrio cambiando modulo. Dovremo giocare con personalità, con organizzazione per portare a casa un risultato positivo".

Su Fonseca
"È un allenatore molto preparatore, non si è fossilizzato solo su una situazione tattica, pur passando a 3 ha dato un'organizzazione giusta e nuova valutando le caratteristiche dei calciatori. La Fiorentina dovrà avere l'atteggiamento giusto".

Ribery?
"Non è una sorpresa, è un grande giocatore sotto tutti gli aspetti e per noi è stato un piacere recuperarlo. Ci sta dando una gran mano e lo portiamo avanti, compatibilmente con gli impegni e le fatiche del momento. Cercheremo di affrontare queste ultime partite andando a verificare di volta in volta il suo impiego. Lui ci dà tanto e ce lo teniamo ben stretto".

Quanto è soddisfatto della difesa?
"Abbiamo lavorato sin dall'inizio e sotto questo aspetto siamo cresciuti molto. Siamo la miglior difesa del campionato dalla ripresa, nel match contro l'Inter sono stati attribuiti tiri pericolosi ai nerazzurri, ma spesso si sono trovati in fuorigioco. Dal campo, ci sono state 5 situazioni di offside che sono andate avanti nella partite e hanno dato l'impressione che fossero occasioni reali per l'Inter, ma in realtà non lo sono state. Abbiamo fatto le nostre considerazioni, ci siamo difesi bene nonostante si sia detto che l'Inter avesse creato tante occasioni, ci siamo comportati bene e dobbiamo continuare così per poter arrivare a vincere e costruire una squadra che continui a scalare la classifica. Siamo una delle prime squadre sotto l'aspetto delle conclusioni in porta, ma siamo ancora poco cinici e dobbiamo migliorare in questo, abbiamo tanti giovani che devono crescere e diventare più concreti, consapevoli delle loro qualità. Stiamo lavorando nonostante questa situazione anomala, la squadra sta dando continuità".