Jordan Veretout è stato protagonista di una lunga intervista con il canale francese Eurosport, ecco le sue dichiarazioni:

In Italia, il lockdown è stato decretato il 9 marzo. Come lo vivi?
"È un po' lungo. Sono con la mia famiglia e tutti sono in buona salute, questo è l'importante. Ma è certo che comunque mi manca la vita di prima. Speriamo di uscire da questo lockdown il più rapidamente possibile. Roma è in genere una città in movimento, dove ci sono turisti. È molto strano vederla così. È come una città morta".

Per un calciatore professionista, forse non è troppo difficile rimanere in forma quando si sta a casa?
"È molto difficile invece (ride, ndr)! Penso che sia la cosa più difficile. Una settimana, due settimane, va bene… Ma poi sono diventate cinque e forse saranno sei settimane di allenamento autonomo. Siamo seguiti, dobbiamo tenere il passo e non ingrassare. Abbiamo sessioni molto intense. Fisicamente è difficile e anche mentalmente. Devi sempre allenarti da solo, è davvero difficile".

Mister Paulo Fonseca ti ha dato un programma da seguire?
"Sì. Quando iniziamo la sessione, ci mettiamo su un'applicazione e lo staff può vedere i nostri dati. Di recente, abbiamo fatto sessioni video con i preparatori. Mi do l'obiettivo di tenermi in forma. È il mio lavoro, il mio piacere. Queste sessioni mi fanno sudare".

In Italia, il mondo del calcio continua a dividersi su una possibile ripresa. Tu cosa ne pensi?
"È ovvio che dovremo stare attenti. Siamo ansiosi di ricominciare ma non dovremo giocare con la nostra salute, questa è la cosa più importante. Ci vorranno diverse settimane prima di rientrare con la squadra, ma dopo potremo giocare".

Se la stagione dovesse riprendere, lo farà probabilmente a porte chiuse. La qualità delle partite ne risente?
"Siamo qui per giocare di fronte ai tifosi e fargli provare gioia. Ho già giocato una partita a porte chiuse con il Saint-Etienne contro il Nantes. È difficile entrare nel clima partita. Si ha l'impressione che sia più un allenamento che una partita di campionato…".

Il 19 aprile, la Roma ha formalizzato un accordo per ridurre i salari,.
"Siamo fortunati ad avere un grande gruppo con personalità molto importanti. È un gesto per aiutare l'intero club, nessuno ha avuto dubbi".

L'estate scorsa sei stato corteggiato da molti club, perché hai scelto la Roma?
"C'erano altri club, è vero. Poi ho ricevuto la chiamata di Fonseca, è stata importante per me. È molto importante per un giocatore. Ho anche amici italiani che mi hanno consigliato, dicendomi che la Roma è un grande club. Ho avuto l'opportunità di giocarle contro durante queste ultime stagioni con la Fiorentina e ho potuto vedere che scendere in campo all'Olimpico, di fronte ai tifosi, è qualcosa di enorme. Il mio riscatto è stato formalizzato di recente e ne sono molto contento".

Hai giocato 34 partite su 36, di cui 28 da titolare. Non male per la prima stagione, giusto?
"È molto bello, specialmente in un grande club come la Roma. Ma penso di poter fare di meglio, non faccio affidamento su ciò che ho imparato e devo ancora lavorare molto. Sappiamo che la pressione è grande qui. I tifosi ci sono sempre stati affianco in questa stagione, nonostante le difficoltà. Anche Javier Pastore, che parla francese, mi ha aiutato molto, vado molto d'accordo con lui. Ho giocato contro di lui quando era al PSG e io quando ho iniziato con Nantes. Oggi siamo compagni di squadra e lo ringrazio per il suo aiuto. È una prima stagione molto buona per me e spero che finisca bene, con gli obiettivi collettivi che vengano raggiunti".

Paulo Fonseca sembra essere accettato da tutti a Roma. Che tipo di allenatore è?
È un grande allenatore. Ha molto carisma, tutti lo ascoltano. Sul campo è molto forte. Abbiamo notato che abbiamo commesso molti errori in questa stagione. Ogni giorno, durante l'allenamento, cerca di farci progredire. L'intero team sta migliorando e spero che continuerà. È un allenatore che vuole che segniamo goal, imposta la partita come offensiva. C'è stato un periodo in cui stavamo meno bene ed è stato in grado di fare gruppo. Il suo adattamento è uno dei suoi punti di forza.

Come spiega i tanti infortuni che colpiscono la Roma ogni stagione?
"Abbiamo avuto molti infortuni. Tuttavia, lavoriamo molto bene e abbiamo preparatori fisici che sono al top. C'è anche un po' di sfortuna. Al momento del rientro dovrebbero tornare tutti dall'infortunio, tranne Nicolò Zaniolo. Certamente faranno tutti bene".

Sei arrivato troppo tardi per incontrare Francesco Totti...
"Sentiamo sempre la sua presenza. A Roma, ora gioca a calcetto. Può giocare anche lunedì sera alle 21:00, lo stadio per lui sarà sempre pieno. Inoltre, vediamo diversi video con i suoi gol. Mi piacerebbe incontrarlo. Ma ce n'è anche un altro…"

Chi?
"Daniele De Rossi. L'ho mancato per un anno, è anche lui una leggenda con Totti. Mi sarebbe piaciuto giocare con compagni del genere. Ho visto il video in cui "DDR" si traveste per andare in Curva Sud a vedere l'ultimo derby. È straordinario. È innamorato di questo club, è un personaggio di Roma".

Poco più di due anni dopo la sua morte, che ricordo hai di Davide Astori, il tuo ex capitano alla Fiorentina?
"Era un grande giocatore e un grande capitano, dentro e fuori dal campo. Era una persona umile ed eccezionale. Quello che ha mostrato in campo, non potrei mai farlo io. Do il massimo per assomigliare a lui, soprattutto umanamente. Era una persona d'oro".