Oggi, 21 aprile, Roma ha compiuto 2.773 anni. Un compleanno silenzioso e sottotono in linea con il periodo atipico che stiamo vivendo, ma non meno importante, per una città che viene definita eterna non a caso. La società giallorossa, che da sempre si identifica visceralmente con la città, portandone i colori e il nome, ha voluto omaggiarla con un video condiviso sui suoi canali social.

Giocatori, cantanti, personaggi dello spettacolo e semplici tifosi di tutte le età, che hanno inviato il loro contributo da ogni parte d'Italia, cantano "Roma Roma Roma", l'inno del club, con trasporto e tanta emozione, mentre scorrono le immagini della città ripresa dall'alto, così vuota da lasciare attoniti; il Colosseo simbolo di un impero con l'Arco di Costantino, la maestosità del Pantheon, Il Circo Massimo che evoca ricordi di festeggiamenti infiniti, il fiume Tevere che scorre lento attraverso i ponti, ognuno con una storia a sé, piazza Navona e la fontana dei Quattro Fiumi del Bernini, Piazza San Pietro, Piazza del Popolo e l'Olimpico, che non è mai stato così lontano. Ad accompagnarlo un semplice messaggio di speranza e positività che accomuna tutti: «Torneremo a cantarla per le strade della Città che amiamo. Per ora lo facciamo a distanza, assieme». Torneremo allo stadio, torneremo a tifare e a intonare, anche stonando, le semplici parole che accompagnavano l'inizio di ogni gara casalinga. "Centomila voci" innamorate che non aspettano altro.

Nel filmato Dzeko, Pellegrini, il mister Fonseca con la mano sul cuore e Zaniolo, che ha recentemente dichiarato il suo amore per la città, si improvvisano cantanti, così come le atlete della squadra femminile ErzenPettenuzzo e Thomas. Con loro Max Giusti dalla terrazza del Campidoglio, l'intramontabile Sabrina Ferilli, Alex Britti che suona la sua inseparabile chitarra, Manuela Arcuri Lorella Cuccarini, la campionessa di scherma Bebe Vio, che non ha mai nascosto la sua passione per la squadra e per Francesco Totti, Rocco Papaleo autodefinitosi "malato di Roma" e il vincitore di Sanremo giovani Leo Gassman. E poi i grandi ex che continuano ad essere protagonisti anche fuori dal campo di gioco, Ruggiero Rizzitelli ancora idolo della curva, Ubaldo Righetti, il francese de Roma Vincent Candela e il triestino trapiantato nella Capitale Max Tonetto. È così che l'Associazione Sportiva Roma continua a sostenere in tutti i modi anche la sua immensa comunità attraverso il progetto "Assieme", nato con il contributo della fondazione benefica Roma Cares, che si è resa protagonista ancora una volta, e in questi giorni di emergenza sanitaria ancora di più, di tante iniziative a sostegno dei più deboli, dei bambini e degli anziani.