Al termine della vittoria per 1-0 della Roma contro il Gent, il tecnico giallorosso Paulo Fonseca ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Roma Tv e Sky Sport.

Fonseca a Roma Tv

Risultato importante.
"La cosa più importante era vincere e non prendere gol. Non era facile in questo momento. I ragazzi hanno lavorato tanto ultimamente. Purtroppo non abbiamo ancora la stessa fiducia di prima, ma oggi l'importante era vincere".

Ci spiega la posizione più bassa di Cristante?
"Noi abbiamo visto che questa squadra ama pressare con i due attaccanti. Loro però fanno più fatica a pressare uno schieramento a tre dietro. Penso che siamo usciti bene dalla prima linea di pressione, ma poi non abbiamo creato abbastanza linee di passaggio. Dobbiamo migliorare in questo".

Non abbiamo preso gol.
"È stato molto importante non prendere gol. Non abbiamo fatto una grande partita, ma contava vincere oggi. Con il ritorno dei risultati positivi il gioco della squadra migliorerà".

Cosa non ha funzionato?
"Abbiamo regalato troppo spesso il pallone agli avversari. Ora serve ritrovare la fiducia. In questo momento non riusciamo a fare tutto al meglio, ma con questa vittoria possiamo riprenderci. Grazie anche ai nostri tifosi, che ci hanno sempre sostenuto. Sono stati fantastici".

Fonseca a Sky Sport

Buon risultato e prima mezz'ora, poi la squadra ha perso fiducia…
"Analisi corretta. La cosa più importante era vincere e non prendere gol, questo abbiamo fatto. Non abbiamo fatto una partita di qualità, ma era importante vincere per avere più fiducia. E' chiaro che abbiamo un momento difficile, ma i giocatori hanno lottato e fatto tutto per cambiare la situazione. Non è stata una partita facile, il Gent è forte ma era importante vincere senza subire gol".

Tanti errori in fase di uscita e di impostazione, questo toglie fiducia?
"Sì, non dobbiamo rischiare tanto in questo momento, ma la squadra abitualmente gioca così. Senza questo tipo di fiducia però non dobbiamo rischiare tanto, le linee di passaggio non sono le stesse di un mese fa. I giocatori hanno provato a fare bene le cose, è stato molto importante vincere oggi".

Ha un'idea tattica molto chiara, ma nei momenti di difficoltà si possono fare degli aggiustamenti?
"Non sono chiuso a cambiare. In questa stagione ho cambiato più che mai nella mia carriera, ma ora non dobbiamo cambiare molto. Dobbiamo migliorare quello che la squadra sa fare. Ho pensato anche a cambiare il sistema durante la partita, ma devo dare segnali per aiutare. La squadra è stata quasi sempre sicura difensivamente allora non ho cambiato, ma non sono chiuso. Quando bisogna cambiare non c'è problema".

La Roma troverà beneficio quando per filosofia e struttura di squadra riuscirete a palleggiare meglio, ad avere più linee di uscita?
"Sì è vero, se non difendiamo bene non possiamo fare questo tipo di partita. Io penso sempre che la miglior forma di difesa è tenere il pallone, se l'abbiamo noi non abbiamo bisogno di difendere, ma per farlo servono giocatori con fiducia, che vogliono la palla e questo purtroppo non è il momento adatto per fare questo tipo di partita. Voglio aver la palla tanto per, ma per trovare soluzioni offensive e spazi in avanti. Oggi la squadra ha optato sempre per non rischiare molto, tenendo il pallone quando serviva a volte accelerare la partita. Troppi passaggi indietro a Pau Lopez, dobbiamo rischiare di più la giocata, Pau può andare in difficoltà se pressato come è normale e deve giocare questa palla lunga che rischiamo di perdere"

Perez?
"Non è un goleador, ma può fare molti gol. Oggi ha disputato una buona partita, la prima dall'inizio, in un momento non facile, ma ha giocato con voglia e coraggio, con la voglia di ricevere il pallone, ha qualità e penso che possa aiutarci"

Garcia ha suggerito di tapparsi le orecchie e continuare con le sue idee…
"Sì ho letto (ride ndr). Sempre buono sentire che gli altri colleghi vogliono il nostro bene, ho apprezzato molto le sue parole. Voglio ringraziare i nostri tifosi che hanno capito il momento della squadra e c'hanno appoggiato molto durante la partita"

I fischi a Pellegrini?
"Io penso che Lorenzo è molto importante in questa squadra, non è in un gran momento ma va appoggiato, perchè sente col cuore la responsabilità della Roma. Ho parlato con lui di questo, se abbiamo in questa squadra chi ama come nessuno la Roma è Pellegrini, dobbiamo aiutarlo. Deve recuperare leggerezza, la fiducia, gli serve solo questo".