Gonzalo Villar ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano As. Il centrocampista spagnolo, arrivato nel mercato di gennaio, si è soffermato su diversi temi: dal suo ambientamento a Roma, come ha avuto inizio la trattativa, e infine cosa lo ha convinto a fare questo salto in una grande squadra. Queste le parole del calciatore.

Come sono stati i tuoi primi giorni da romanista?
"Li ho vissuto con grande entusiasmo. Sono stato presentato ufficialmente un paio di giorni fa ed è stato tutto molto bello. È fantastico essere qui a 21 anni, era uno degli obiettivi che avevo da bambino. Ora voglio diventare un giocatore importante di un club storico come la Roma".

Hai lasciato Elche, dove eri uno dei giocatori di riferimento, per fare un salto di categoria molto grande?
"Sì, è un grande salto, ma mi considero pronto ad affrontarlo. Mi sono divertito molto con l'Elche e sono molto grato al club, ma volevo fare quel salto e ora devo dimostrare che sono pronto per questo".

Ci racconti il tuo trasferimento?
"La prima notizia mi è arrivata a metà dicembre. I miei agenti mi dissero che la Roma mi stava seguendo sia con l'Elche che con la Nazionale e che erano molto interessati a prendermi. Ho detto loro di vedere come andavano le cose e a gennaio tutto è stato fatto. È stato un mese difficile di trattative, ma Roma ha scommesso pesantemente su di me ed eccomi qui".

Nella tua presentazione hai affermato di aver perso chili durante quei giorni a causa della tensione nelle negoziazioni?
"Sì, soprattutto in due o tre giorni chiave per la sua chiusura. Ero molto nervoso. Ho perso un po' di appetito e perso un paio di chili".

Cosa ti ha convinto della Roma?
"Petrachi, il direttore sportivo, e Paulo Fonseca, l'allenatore, mi hanno parlato e mi hanno dato molta fiducia. Mi hanno dato la loro fiducia e ho accettato questo progetto".

Cosa vuole da te Fonseca?
"Ha uno stile molto simile a quello che facciamo in Spagna. Gli piace avere un gioco impostato dal basso e avere l'iniziativa. Quello che mi chiede davvero è quello che mi piace fare, non ci saranno problemi con lo stile di gioco. Vogliamo il possesso e mi piace stare vicino alla palla e averla per molto tempo. Questo modo di giocare è adatto a me e quello che voglio ora è adattarmi a Roma il prima possibile in modo da poter aiutare rapidamente la squadra".

In quella posizione la Roma ha perso una leggenda come De Rossi?
"È chiaro che è una leggenda per tutti i giallorossi, ma voglio offrire la migliore versione di me stesso qui. De Rossi è una leggenda, non mi piace confrontarmi, non mi farebbe bene iniziare a confrontarmi con lui. Sarò la migliore versione di Gonzalo Villar".

Hai debuttato, hai avuto qualche minuto col Sassuolo. Cosa capisci già del calcio italiano?
"Tutti vogliono giocare e il campionato sta crescendo molto. È un campionato molto serrato, come sta accadendo in Spagna. Veniamo da un paio di sconfitte e pensiamo solo a riprenderci oggi contro l'Atalanta. È un avversario molto complicato, il prossimo rivale del Valencia in Champions League. La squadra di Gasperini è di altissimo livello, ma è una partita molto importante per noi. Qui chiunque può batterti. Dovremo combattere".

Si parla sempre della difficoltà nel giocare a centrocampo in Italia?
"C'è qualità. È vero che è un campionato abbastanza fisico, ma voglio dimostrare che posso essere un pezzo importante negli schemi della Roma".

Ti è già stato detto che cos'è il derby?
"Sì, ma ho avuto la sfortuna di non poterlo vivere dal vivo. È stato giocato una settimana prima della mia firma. Non vedo l'ora di dirtelo in prima persona".

Tu, Carles Perez, Roger Ibáñez: tre firme di giocatori molto giovani. È un messaggio chiaro da parte del club?
"Non solo noi. Justin Kluivert, Zaniolo erano già in squadra. La squadra si sta rigenerando, ma anche i veterani sono al top per consentirci di adattarci rapidamente. Il mix è molto buono per raggiungere gli obiettivi che il club ha".

La Roma dovrebbe essere tra le prime quattro?
"Sì. Siamo a tre punti dall'Atalanta e questa partita in vista è molto importante, daremo il massimo".

La cosa più sorprendente della tua partenza dalla Spagna è che il Valencia aveva parte dei tuoi diritti. Non hanno fatto un'offerta per te o è stata più una tua decisione di andare in Italia?
"Avevano l'opzione, ma la decisione era mia. Come dice l'espressione, ci sono diversi gradi di amore e ho sentito che la Roma stava scommettendo di più su di me. Ho sentito che la Roma scommetteva su di me più forte di quanto voleva fare il Valencia e ho preso la decisione. Sono grato al Valencia perché hanno mostrato interesse nel riacquistarmi, ma la cosa ideale per me in quel momento era venire a Roma per la scommessa che avevano fatto per me, ma auguro al Valencia il meglio".

Cos'è stato Pacheta per te?
"Gli devo tutto. Da quando sono arrivato all'Elche si è comportato come un padre con me. E non solo quando le cose andavano bene, ma anche quando sbagliavo. A 20 anni sei molto giovane. Mi ha preso e mi ha detto di non giocare per questo o per quello. Quando ho sbagliato, me l'ha detto in faccia. Ho continuato a lavorare. Quest'anno è andato tutto benissimo, ma l'anno precedente è stato più difficile per me, ho avuto un piccolo infortunio. Ero e sarò sempre grato a lui".

La Roma ha delle leggende, ma anche l'Elche… Com'è stato condividere il campo con Nino?
"È pazzesco. È appena diventato il capocannoniere nella storia del club, cos'altro si può dire".