L'ingresso nell'esclusivo club dei cento gol in maglia giallorossa, probabilmente, Edin Dzeko se l'immaginava diversamente: magari al derby, quando pure un paio di occasioni per raddoppiare non gli erano mancate, o al Mapei, ma non con il Sassuolo avanti di tre reti. Ma è inutile piangere sul latte versato: la tripla cifra in maglia giallorossa resta una grande soddisfazione per il centravanti bosniaco, che - siamo sicuri - avrebbe però barattato volentieri lo zero nella casella gol segnati da lui con i tre punti a Reggio Emilia.

Solo sei calciatori hanno fatto meglio di lui in termini realizzativi nella storia della Roma, e se il primo (Francesco Totti) è inarrivabile a quota 307, il podio è ampiamente alla portata di Edin, che con quello di sabato ha raggiunto quota tredici gol stagionali (l'anno scorso chiuse a quattordici) tra campionato ed Europa League. Il primo obiettivo di Dzeko è Vincenzo Montella: l'Aeroplanino, sesto nella graduatoria all-time, ha segnato 102 gol in 258 presenze (il bosniaco finora ne ha totalizzate 206 in quattro anni e mezzo). Li accomuna il numero nove sulle spalle: del resto, i bomber di solito vestono quello.

Da Pedro a Pruzzo
Due reti più su, a 104, c'è Pedro Manfredini, ancora oggi il miglior marcatore straniero nella storia della Roma. Perché chi lo precede, Rodolfo Volk (106 reti in 161 gare), nacque a Fiume, attuale Rijeka, quando la città era italiana, e perciò come tale deve essere considerato "Sigghefrido". Manfredini e Volk, eroi di un calcio che non c'è più, quando andare a segno era forse più facile (lo dimostrano le medie-gol), ma non per questo meno lodevole.

Arriviamo al podio, sul cui gradino più basso troviamo un'altra leggenda giallorossa: il "Fornaretto" Amedeo Amadei, Campione d'Italia nel 1941-42. Il bomber di Frascati mise a referto 111 reti in 234 partite tra il 1939 e il 1948. Lo ha superato, quasi quarant'anni dopo, Roberto Pruzzo: più che un bomber, il Bomber, autore di 138 gol in 315 presenze. Difficile raggiungerlo, ma conoscendo Edin, siamo certi che vorrà provarci. Francesco Totti, invece, con i suoi 307 gol in 786 presenze, non può essere raggiunto.