Carles Perez è diventato ufficialmente un nuovo giocatore della Roma. L'esterno spagnolo, proveniente dal Barcellona, ha realizzato anche la sua prima intervista attraverso la televisione ufficiale del club

"Le sensazioni sono molto positive. So che lascio un club molto importante come il Barcellona, ma so che vengo in un altro club importante come la Roma. Sono molto contento di essere qui e ho voglia di cominciare - ha detto in un'anticipazione dell'intervista integrale che andrà in onda alle 19.30 - Ho già parlato con l'allenatore e conosciuto molte persone. Non vedo l'ora di iniziare e allenarmi con i nuovi compagni. Le sue parole mi hanno convinto e ho preso la decisione. L'ho visto e ha detto che mi spiegherà il modo giocare della squadra e quello che vuole da me. Non vedo l'ora di iniziare e darò sicuramente al mister quello che vuole da me. Come sempre, mi aspetto di migliorare come giocatore. Penso di poterlo fare qui, per questo ho scelto di venire. Sia per il blasone del club sia per il mio modo di giocare. La verità è che ho molta voglia di giocare". 

"I tifosi della Roma? Quello che mi affascina molto è l'intensità delle partite, e anche il modo in cui la gente vive il calcio. In Spagna anche si vive il calcio, ma qui in modo diverso. Non vedo l'ora di giocare all'Olimpico e sentire il calore dei tifosi. Come ho detto, mi affascinano anche le difese italiane che dicano siano le più difficili da affrontare. Poterle affrontare mi stimola molto. Poi ovviamente voglio aiutare la squadra facendo gol e fornendo assist".

"Sono un giocatore veloce, in grado di segnare molti gol. Mi piace giocare all'interno e sull'esterno, mi piacciono gli uno contro uno. Sono versatile, gioco come punta, sulla fascia sinistra e su quella destra. Veramente preferisco sulla destra, che è il mio ruolo naturale e che mi piace di più. Comunque mi piace svariare e fermi trovare sempre aperto, dialogare con i compagni e soprattutto finalizzare".

"Gli ultimi sei mesi sono stati i migliori della mia vita per quello che ho vissuto dal punto di vista delle emozioni. Ricordare il mio esordio in Champions League mi rende felice, ancora di più ricordare il gol a San Siro. Il Barcellona però è il passato, sono concentrato sulla Roma: ho voglia di iniziare e aiutare la squadra".

"Il mio obiettivo è fare quello che mi chiede il mister, aiutare la squadra lavorando, con assist e gol. Spero di poter dare il mio contributo per arrivare più in alto possibile".