Iniziamo oggi il viaggio che attraverso le pagine di questo giornale faremo nel futuro impianto giallorosso. Questo primo capitolo sarà dedicato proprio allo stadio che sorgerà a Tor di Valle, sviluppato dall'Architetto Dan Meis e dalla Società SCE/Gae Engineering S.r.l., e che avrà una SUL (superficie utile lorda) pari a 36.180 mq (a fronte dei 52.500 mq costituiti dall'intero Comparto A1, che oltre allo Stadio include la nuova Trigoria e il Roma Village). Il nuovo Stadio della Roma si presenterà come una struttura polifunzionale dove oltre agli spazi destinati all'attività sportiva, al di sotto delle gradinate troveranno posto piccole superfici commerciali (chioschi), club e ristoranti, oltre a locali tecnici e magazzini. L'utilizzo della struttura non sarà limitato agli eventi calcistici, ma si prospetta un uso anche come location per spettacoli, concerti, eventi.

Lo stadio avrà la possibilità di essere configurato con una capienza compresa tra 52.500 e 55.000 spettatori in base alle esigenze della proprietà e degli eventi da ospitare. Questo sarà ottenuto mediante l'utilizzo o meno degli spazi occupati dai megaschermi e la distribuzione a diverso interasse delle sedute dei settori non VIP. ll catino dello stadio sarà suddiviso in tre anelli di gradinate sovrapposte prefabbricate in calcestruzzo armato con pendenza crescente verso la sommità (eccetto la Curva Sud che avrà solo due anelli). La copertura dello stadio sarà realizzata in carpenteria metallica con rivestimento in membrana PTFE. Nell'edificio saranno realizzati Club e Suites dedicate ai Vips ed in genere saranno collocate all'interno tutti i servizi per gli spettatori quali bar e ristorazioni così come previsti nei principali stadi moderni europei. L'intero stadio e l'area circostante saranno controllati da un sistema a circuito chiuso di video-sorveglianza monitorato da un Centro di controllo attivo 24 ore al giorno tutti i giorni. Il Centro di controllo, una piccola stazione di Polizia, l'ufficio VVF con relativi spogliatoi sono previsti al piano terra dello stadio. Inoltre, sarà presente un locale per ogni settore dedicato al personale privato di sicurezza, oltre a una postazione di primo soccorso e spazi adeguati per gli stewards presenti ai diversi eventi. Infine, sarà presente un Centro di osservazione (GOS) posizionato al quarto livello con visibilità di tutte le gradinate, dimensionato per accogliere circa 20 persone tra polizia, polizia municipale, vigili del fuoco, sicurezza privata, sicurezza della squadra.