Sarà fondamentale la giornata di oggi per capire meglio se Chris Smalling riuscirà ad essere della partita venerdì sera al Franchi contro la Fiorentina di Montella. L'inglese ieri alla ripresa degli allenamenti della squadra dopo la vittoria in campionato sulla Spal ha lavorato individualmente, come negli ultimi giorni. La distorsione al ginocchio sinistro (con lieve interessamento del legamento) che ha costretto il numero 6 romanista a saltare gli impegni con il Wolfsberger, in Europa League, e con la Spal, in campionato, sta migliorando e si tenterà di recuperarlo per la partita con i viola, nella quale la Roma sarà chiamata a consolidare il quarto posto e a non distanziarsi, o meglio, se possibile ad accorciare sul terzo posto.

Se oggi Smalling riuscirà a svolgere l'allenamento in gruppo sarà molto probabile almeno la convocazione per l'ultima trasferta dell'anno. Diversamente sarà difficile vederlo nella lista dei partenti per Firenze, anche se il precedente di Dzeko per Inter-Roma (unico allenamento della settimana quello della rifinitura del giorno prima) può lasciare aperta una porticina. Fonseca, si sa, non è solito rischiare i suoi calciatori, ma a far pendere la bilancia dalla parte di una possibilità in più di assumere una decisione in tal senso sono due aspetti: il primo riguarda l'importanza del calciatore nell'economia della squadra, proprio come accaduto col bosniaco già in occasione di Sampdoria-Roma (dopo l'operazione allo zigomo) e di Inter-Roma (dopo lo stato febbrile); il secondo riguarda l'imminente sosta per le festività natalizie e di inizio anno, che lascerebbero poi un periodo di riposo ulteriore al calciatore.

Ragione, quest'ultima, che potrebbe suggerire anche la scelta conservativa e quindi contraria. Saranno giorni caldi per Smalling anche per ciò che attiene al suo futuro. La Roma e il giocatore si piacciono e quindi c'è una manifesta fiducia reciproca affinché le due strade possano continuare a incrociarsi, ma la trattativa con il Manchester United (che verte sul prezzo ovviamente) deve ancora compiere il passo decisivo.

Kluivert sarà recuperato per la viola. Proseguono il loro percorso di recupero i lungo degenti Zappacosta e Cristante e gli infortunati più "recenti" Pastore, Santon e Mirante. A Trigoria, poi, si è rivisto Leandro Castan, che non ha mai dimenticato i giallorossi: domenica è stato all'Olimpico per Roma-Spal insieme all'altro ex Dodò e ieri il brasiliano ha fatto visita alla sua ex società al centro tecnico Fulvio Bernardini, assistendo anche all'allenamento della squadra di Fonseca e dei suoi ex compagni. «Che bello tornare qua», ha scritto Castan su Instagram.