Al termine del pareggio per 2-2 tra Roma e Wolfsberger, l'autore del gol dell'1-0 Diego Perotti ha parlato ai microfoni dei giornalisti. Ecco le sue parole.

Perotti a Sky

Un girone pieno di sorprese
"Onestamente non pensavo che il Borussia potesse uscire. Nella conferenza avevo detto che queste sono partite strane, dove pensi di averle già vinte ma dove gli avversari giustamente giocano come se potessero passare ancora il turno. Non abbiamo giocato bene ma abbiamo passato il turno, guardiamo avanti".

Un passo indietro
"Non abbiamo avuto l'atteggiamento giusto, abbiamo sottovalutato la partita, pensavamo di vincerla facilmente. Ci hanno pressato a uomo in tutti i momenti, noi abbiamo sbagliato e dobbiamo migliorare perché se vogliamo andare lontano dobbiamo migliorare tanto".

Avete sbagliato l'approccio mentale
"Non so spiegarlo bene, questa partita è la classica che pensi sia semplice e poi il campo dimostra il contrario. Non abbiamo vinto nulla, non possiamo permetterci di sottovalutare l'avversario. Vogliamo essere pronti per la prossima partita".

Sia nel bene che nel male giocate da squadra
"Su questo non posso dire il contrario. Dal momento in cui abbiamo visto che eravamo in difficoltà abbiamo messo il 100% di noi, forse era troppo tardi. Loro ci hanno sorpreso con quel pareggio. Non ho dubbi sui miei compagni, queste partite vanno affrontate in un'altra maniera".

Perotti a Roma Tv

Analisi della partita?
"C'è rammarico e quella delusione che potevamo fare di più, dovevamo vincere in casa. Eravamo in casa contro una squadra che non si giocava nulla, abbiamo rischiato anche di uscire se avessimo preso gol. Da questo dobbiamo imparare perché giocando così non andremo avanti".

Fonseca aveva avvertito di avere lo spirito giusto.
"Sì sì, lo avevo detto anche io. Capita di giocare queste partite pensando di averle vinte prima di giocarle. Dobbiamo fare loro i complimenti perché anche se non si giocavano nulla ed erano fuori casa hanno fatto una grande gara vincendo i rimpalli e le seconde palle. Questo non deve accadere a una squadra come la nostra, potevamo arrivare primi, ci dispiace, basta parlare, ora i fatti".

Buona prova per te.
"Sì purtroppo tutti gli infortuni che ho avuto mi fermano un po' sto provando a aiutare i compagni quando gioco, sicuramente avere minuto di partita sulle gambe mi aiuta perché in allenamento è un'altra cosa, ma le partite ti danno la condizione per giocare 90'. Soprattutto le partite come questa che si deve pressare, correre, giocare tanto. Mi sento bene e sono contento di poter aiutare i compagni. Speriamo di fare bene ora contro la Spal".