Ed Lippie e Narcy Norman rivelano il metodo di allenamento della Roma. L'Head Performance Coach e l'ex preparatore atletico giallorosso hanno rilasciato un'intervista al sito "Hiitscience", cui hanno la loro esperienza di lavoro nella Capitale, svelando le varie attività svolte durante la settimana dai calciatori in preparazione alla partita successiva. 

Ecco il testo della loro intervista.

"A maggio 2015 siamo arrivati a Roma, in Italia, per iniziare un incarico triennale con l'Associazione Sportiva Roma (AS Roma), una squadra di calcio professionistica italiana nella massima serie italiana, la Serie A".

"Il nostro lavoro era triplice:
- Assistere il club nell'aggiornamento delle sue strutture
- Implementare una filosofia di allenamento funzionale guidandone il processo, integrare quella filosofia a tutti i livelli all'interno del club, dalle giovanili alla prima squadra.
- L'esperienza è stata entusiasmante, stimolante, stimolante ed educativa su vari livelli".

"In questo articolo, descriviamo alcune delle nostre esperienze con l'As Roma e come queste abbiano facilitato una comprensione più profonda per noi nello sport del calcio".

Il movimento è un'abilità

"Se hai lavorato nel campo del miglioramento delle prestazioni per un periodo di tempo significativo, probabilmente avrai sviluppato un buon occhio per i movimenti. Per i "Performance Coach", come noi, questo "occhio" è uno dei modi in cui valutiamo gli atleti nel tempo. La qualità e l'efficienza con cui un giocatore inizia, si ferma, cambia direzione ed esegue movimenti generali e specifici per lo sport, forniscono informazioni importanti sul profilo atletico del giocatore".

"Dopo aver visto e testato molti atleti, attraversando una mezza dozzina di sport professionistici negli ultimi vent'anni e notato la grande variabilità nella qualità del movimento, siamo giunti alla conclusione che il movimento è un' abilità. E proprio come qualsiasi abilità, può essere migliorato quando viene applicato il giusto tipo di allenamento e insegnamento. Tuttavia, sembra esserci una convinzione, almeno nel calcio europeo, che una volta che un giocatore raggiunge i massimi livelli, non ha più bisogno di essere allenato in questi aspetti di movimento più fini".

Allenamento con o senza palla

"C'è stato un lungo dibattito tra i preparatori e gli allenatori di calcio riguardo al modo più efficace di condizionare i giocatori per le esigenze fisiche di questo sport. Molti puristi del calcio insistono sul fatto che si può e si dovrebbe svolgere tutto il lavoro di sviluppo metabolico con la palla quelli come noi con un background di prestazioni più tradizionali, invece vedono la necessità di integrare l'allenamento condizionale con la palla insieme a lavori senza palla"

"Al contrario, vale la pena notare che esiste una tradizione di lunga data in alcuni paesi europei, ad esempio l'Italia, per fare molto lavoro senza palla. Il problema è che gran parte di quel condizionamento tende ad essere sotto forma di lavori su lunghe distanze rispetto agli sforzi di corsa ad alta velocità più specifici per il calcio che Martin Buchheit raccomanda".

PROGRAMMA PER CHI HA GIOCATO ALMENO 45 MINUTI NELLA PARTITA PRECEDENTE

1° giorno: Recupero attivo (Ciclette, Lavoro in palestra per la parte superiore del corpo, Circuiti per la parte inferiore del corpo, Massaggi)

2° giorno: Riposo

3° giorno: Esercizi sul campo e sulla velocità (Esercizi su accelerazione e velocità di punta, partite su campo regolamentare)

4° giorno: Forza e cambi di direzione (Lavoro in palestra per parte superiore e inferiore del corpo, Circuiti per cambi di direzione, Esercizi sul pressing, Partitelle su campo ridotto)

5° giorno: Analisi video e lavoro sulla tattica (Circuiti per la parte inferiore del corpo, Esercizi sulla corsa, Analisi tattica)

6° giorno: Rifinitura (Lavori di potenziamento muscolare, Lavoro sulla tattica, brevi partite da 2-4 minuti su campo regolamentare)

PROGRAMMA PER CHI HA GIOCATO ALMENO 45 MINUTI NELLA PARTITA PRECEDENTE

1° giorno: Lavoro sull'attivazione muscolare (Lavoro in palestra per parte superiore e inferiore del corpo, Esercizi sulla corsa e sullo scatto)

2° giorno: Riposo

3° giorno: Esercizi sul campo e sulla velocità (Esercizi su accelerazione e velocità di punta, Partite su campo regolamentare)

4° giorno: Forza e cambi di direzione (Lavoro in palestra per parte superiore e inferiore del corpo, Circuiti per cambi di direzione, Esercizi sul pressing, Partitelle su campo ridotto)

5° giorno: Analisi video e lavoro sulla tattica (Circuiti per la parte inferiore del corpo, Esercizi sulla corsa, Analisi tattica)

6° giorno: Rifinitura (Lavori di potenziamento muscolare, Lavoro sulla tattica, brevi partite da 2-4 minuti su campo regolamentare)

Il ruolo della tecnologia

"Non vi è dubbio che il nostro settore, come molti altri, abbia subito un innamoramento collettivo per la tecnologia negli ultimi 10-15 anni. Il numero di rilevamenti, sia interni che esterni, che possono essere monitorati, quantificati e analizzati in tempo reale o dopo uno sforzo, è sorprendente in base a ciò che era disponibile solo 10 anni fa". 

"Nelle 3 stagioni in cui abbiamo lavorato presso l'AS Roma, ricevevamo molte mail ogni settimana da diverse aziende tecnologiche che affermavano di aver decriptato il codice delle prestazioni umane o la prevenzione degli infortuni attraverso la loro ultima innovazione. La tecnologia è diventata una caratteristica di spicco del panorama sportivo professionale e, che ci piaccia o no, la tecnologia e i big data sono destinati a far parte del futuro dello sport".

"Per esempio, molti dei nostri giocatori dell'AS Roma erano molto interessati ai loro dati e chiedevano di vederli: in brevi incontri non programmati, potevamo usare i dati per spiegare perché e come il lavoro in palestra risolva le carenze del loro profilo fisico di atleta. Questo approccio ha avuto successo nel convertire alcuni calciatori che non amavano il lavoro in palestra in giocatori appassionati che ogni giorno, prima dell'allenamento, venivano a lavorare in programmi personalizzati per migliorare i loro deficit e tornavano in palestra dopo l'allenamento per il lavoro di rigenerazione appropriato che preparava al giorno successivo". 

"Un esempio notevole di ciò è stato Mohammed Salah, che ha una passione per il miglioramento, quindi ha applicato la sua cultura del lavoro per produrre un focus su ciascuna delle sue carenze e siamo stati in grado di aiutarlo a identificarli".