Si ferma Chris Smalling: il difensore inglese ha subito un indurimento muscolare e la sua presenza è in dubbio per Roma-Sassuolo. Il calciatore oggi svolgerà un allenamento individuale e le sue condizioni saranno valutate al termine della seduta mattutina. Se l'indurimento non si scioglierà nelle prossime ore difficilmente prenderà parte al match dell'Olimpico. 

Intanto il resto della squadra, dopo una seduta in sala video per studiare l'avversario, si è dedicato ad una lavoro in campo sulla rapidità e sulla circolazione del pallone. L'allenamento si è concluso con una parte tattica. Ancora fermi i box Zappacosta, Ünder e Perotti alla prese con i rispettivi infortuni. 

Con un gruppo finalmente incrementato nel numero dal ritorno di tutti i nazionali, Fonseca continua a preparare la gara contro il Sassuolo, in programma domenica pomeriggio all'Olimpico. Ieri per la prima volta il portoghese ha potuto contare su tutti gli effettivi, fatta eccezione per i tre infortunati Perotti, Zappacosta e Ünder, che ne avranno ancora per qualche settimana e hanno svolto ancora i rispettivi programmi di lavoro individuale. La seduta è stata divisa in una fase di riscaldamento, seguita da esercizi per la rapidità e da una parte tattica. L'appuntamento a Trigoria è ancora per questa mattina, ultima vera sessione di lavoro prima del match di campionato contro la squadra emiliana.

Poi rifinitura e conferenza del tecnico fissate a domani, vigilia della partita nella quale dovrebbero debuttare in giallorosso i due nuovi acquisti Smalling e Mkhitaryan. Il centrale inglese dovrebbe fare coppia con Fazio, mentre ai loro lati sono confermati Florenzi e Kolarov, anche per l'assenza di Zappacosta e il ritorno in gruppo di Spinazzola da soli due giorni dopo lo stop prolungato per la noia muscolare che gli ha fatto saltare le prime due giornate. Il vero dubbio è in mezzo al campo, dove accanto a Cristante può esordire anche Veretout: in questo caso Zaniolo verrebbe dirottato a destra e Pellegrini dietro a Dzeko, con l'armeno sulla mancina. Altrimenti linea mediana confermata con il numero 7 e l'ex atalantino davanti alla difesa, il talento dell'Under 21 nel consueto ruolo di trequartista centrale libero di svariare e Kluivert a rilevare l'infortunato Cengiz.

di: Fabrizio Pastore