Diego Perotti ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport al termine della sfida con la Fiorentina terminata 2-2. Di seguito le sue parole. 

Hai fatto un grande gol. Come stai?
"Un crampo, ho giocato tre giorni fa e oggi è stato intenso. Un po' di fatica ma niente di particolare".

Sulla partita. 
"È stata dura. Siamo andati due volte sotto, abbiamo pareggiato, non siamo contenti però è un punto lottato e guadagnato. Abbiamo provato a vincere. È un momento in cui le cose non stanno andando al meglio però abbiamo dato tutto, dobbiamo ricominciare da questo aspetto".

La Roma è ancora viva?
"Sempre, lotteremo fino all'ultimo per arrivare il più in alto possibile. Ce lo meritiamo noi, lo merita la dirigenza, i tifosi e lo staff. Lavoriamo tanto, magari vedendo questi risultati si pensa il contrario, ma stiamo tutto il giorno a provare a migliorare le cose. A volte non riusciamo a farlo, ma non è una mancanza di volontà".

Una considerazione sulla tua stagione.
"È stato un anno strano, sfortunato a livello personale, non sono riuscito ad aiutare la squadra, spero di riuscire a dare il mio contributo da qui alla fine del campionato".

Il mister ha detto che avete problemi mentali più che fisici. 
"Lui ci ha fatto vedere che abbiamo corso più del Napoli, poi vedendo il risultato questo non conta. Se corri non è una questione fisica o una mancanza di allenamento, non è che camminiamo in campo. Il Napoli ha fatto meglio di noi ma oggi stando due volte sotto col risultato abbiamo dato tutto per vincere, poi purtroppo non lo abbiamo fatto e non riusciamo a vincere. Purtroppo non ci siamo riusciti, brucia, da fastidio, soprattutto quando vedi i risultati delle altre squadre. Mancano 8 partite, daremo tutto".

Può essere la partita della svolta?
"Mi auguro di si, per tutto quello che stiamo passando. Siamo una squadra che vuole vincere e far divertite i tifosi. Loro voglio sempre di più e noi vogliamo darglielo, brucia quando non ci riusciamo e i risultati non aiutano. In settimana diamo tutto, il mister è arrivato in un momento difficile. Aver ribaltato oggi il risultato per due volte può darci una spinta in più".