Non resta che il Porto. Novanta minuti, salvo supplementari, per provare a dare un senso a una stagione fin qui costellata di amarezze, con un allenatore che si giocherà tutto in Portogallo. E Di Francesco probabilmente lo farà con una Roma parecchio diversa negli uomini, e si spera pure nel gioco, rispetto a quella inguardabile vista purtroppo nel derby.

Ieri il tecnico ha parlato a lungo alla squadra, sapendo che dei due grandi assenti per problemi fisici, l'unico recuperabile sembra essere Manolas, al contrario di Ünder che pure ieri ha svolto lavoro personalizzato in campo. Non ci sono certezze, tra l'altro, neppure per il difensore greco che non si è visto a Trigoria rimanendo a casa ancora alle prese con l'influenza che lo ha costretto a disertare il derby. E si è vista l'importanza di Manolas nella difesa giallorossa. Ci dicono che dovrebbe recuperare per il Porto, fosse così Di Francesco dovrà decidere chi mettergli al fianco. Fazio sembra improponibile, Jesus quasi, non è da escludere quindi che contro la sua ex squadra Marcano possa riscoprire l'effetto che fa la Champions League. Non sarà l'unica novità in difesa, perché sulla fascia destra potrebbe tornare titolare Karsdorp al posto di un Florenzi che sta attraversando un periodo non brillante.

Ma ci saranno anche altre novità nella Roma che a Oporto si giocherà la qualificazione ai quarti di finale della Champions. Di Francesco potrebbe continuare a dare fiducia a Nicolò Zaniolo uscito dal derby con una contusione che non sembra nulla di grave. Ma per il resto delle scelte, oltre a quella del modulo, bisognerà vedere nei prossimi giorni come saranno le condizioni di De Rossi. Il tecnico non vorrebbe rinunciare al suo Capitano che se fosse disponibile potrebbe convincere il tecnico a tornare dall'inizio al quattro-due-tre-uno. A quel punto il compagno di linea di De Rossi potrebbe essere Nzonzi che il derby lo ha visto da spettatore non pagante in panchina. In questo caso un calante Lorenzo Pellegrini potrebbe tornare nel ruolo che preferisce, quello di trequartista centrale (in alternativa Zaniolo).

In attacco con Dzeko centravanti (sarà squalificato in campionato per la sfida contro l'Empoli), sulla corsia sinistra all'inizio si potrebbe rivedere Diego Perotti al posto di El Shaarawy. A destra, oltre a Zaniolo, sono parecchi in corsa, dallo stesso Faraone a Kluivert, non dimenticando la possibilità di schierare anche Schick.
La Roma partirà alla volta del Portogallo con un volo charter alle quindici di domani pomeriggio. Il ritorno è previsto nella mattinata di giovedì. Sperando di poter mettere in valigia anche il passi per i quarti.