Analisi

LA SCHEDA - Mile Svilar: tutto sul portiere sbarcato ieri nella Capitale

Il classe 1999, ex Anderlecht e Benfica, è stato per tre stagioni con il general manager Tiago Pinto nel club portoghese. I due si incontrano nuovamente alla Roma

Mile Svilar, il nuovo numero 99 (As Roma via Getty Images)

Mile Svilar, il nuovo numero 99 (As Roma via Getty Images)

Luca Ascione
02 Luglio 2022 - 18:11

La Roma nella giornata di ieri ha ufficializzato l'acquisto a parametro zero del portiere belga naturalizzato serbo Mile Svilar. Il classe 1999, arrivato dopo il mancato rinnovo con il Benfica, è stato attirato proprio da Tiago Pinto con cui ha condiviso tre anni di carriera ai tempi del club portoghese. Il general manager giallorosso ha detto su di lui: "Mile è un giovane di grande prospettiva, con enormi potenzialità e una forte etica del lavoro".

Nel 2017, l'estremo difensore ha affascinato anche il suo nuovo allenatore Josè Mourinho, all'epoca al Manchester United, in un partita di Champions League tra il Benfica e i Red Devils nella quale Svilar è diventato temporaneamente il più giovane portiere esordiente nel massimo torneo UEFA. Il tecnico portoghese, in occasione di quella partita, nonostante il grave errore commesso dal ragazzo sul gol vittoria di Marcus Rashford, ha così parlato di lui in conferenza stampa: "Solo un grande portiere incassa un gol come quello. Preferisco che il mio subisca un gol del genere piuttosto che stare sulla linea di porta per novanta minuti. Per me è davvero talentuoso. Questo ragazzo è bestiale, è un fenomeno". Svilar prenderà alla Roma il posto di vice Rui Patricio lasciato libero da Daniel Fuzato, partito da poco per la sua nuova avventura all' UD Ibiza.

La scheda

Nome: Mile
Età: Svilar
Data di nascita: 27/08/1999
Luogo di nascita: Anversa
Nazionalità: belga naturalizzato serbo
Altezza1,89 m
Piede: destro
Ruolo: portiere
Palmarès: Supercoppa belga (2017); Campionato portoghese (2018-19); Supercoppa portoghese (2019)
Precedenti squadre: Anderlecht, Benfica
Presenze in Nazionale maggiore: 

La carriera

Mile Svilar cresce calcisticamente nel settore giovanile dell'Anderlecht, in cui si mette in mostra nel vivaio ma tuttavia non riesce mai ad esordire con la prima squadra in Eredivisie. Il 28 agosto del 2017, viene acquistato dal Benfica con cui firma un contratto quinquennale. In quella stagione trova l'esordio con i grandi e appunto il debutto in Champions League battendo a 18 anni e 52 giorni il precedente record di Iker Casillas. Nel ritorno della partita contro il Manchester diventa anche il più giovane portiere a parare un rigore nel torneo. Dopo le prime presenze con la prima squadra, la permanenza in portogallo del serbo non assume i contorni sperati e il classe 1999 si ritrova prevalentemente a giocare con il Benfica B, nella seconda divisione portoghese. Anche per questo motivo Mile ha scelto, d'accordo con il suo agente, di non rinnovare il suo contratto in scadenza a giugno 2022, sfruttando l'interessamento della Roma con cui si è accordata per il passaggio a parametro zero, ufficializzato appunto ieri.
Nella Nazionale, Svilar, ha militato in tutte le selezioni giovanili del Belgio (tranne che l'Under 20) prima di accettare, sfruttando il doppio passaporto, la convocazione con la Serbia il 20 agosto 2021.Trova l'esordio in Nazionale Maggiore nell'amichevole vinta per 4-0 contro il Qatar.

© RIPRODUZIONE RISERVATA