Le dichiarazioni

Khedira: "Lavorare con Mourinho è stato fantastico"

Il centrocampista, che al Real Madrid ha condiviso lo spogliatoio con lo Special One: "Mi ha dato molta fiducia e mi ha fatto capire che aveva bisogno di me"

Khedira e Mourinho (Getty Images)

Khedira e Mourinho (Getty Images)

La Redazione
04 Marzo 2022 - 16:03

Sami Khedira racconta José Mourinho. L'ex calciatore tedesco, in un'intervista rilasciata al quotidiano spagnolo As, ha spiegato come ha conosciuto il tecnico portoghese, svelando alcuni retroscena sul "corteggiamento" per portarlo al Real Madrid e sui suoi metodi d'allenamento. Di seguito uno stralcio delle parole del centrocampista.

È vero che non pensavi che Mourinho ti stesse cercando per giocare nel Real Madrid?
"Dopo la sconfitta contro la Spagna, ero davvero sconvolto. Ero depresso e pensavo che forse giocare contro la Spagna fosse un passo troppo avanti per la Germania. Poi ho ricevuto un messaggio da mio fratello. Mi ha detto: 'Mourinho ti ha chiamato'. L'ho detto?'. E lui ha detto: 'Sì, vuole che tu sia il suo 6'. Io ero molto giovane e non ci credevo. Ma poi l'ho chiamato e mi ha detto che ero un giocatore e un ragazzo incredibile e che mi voleva con lui a Madrid. Il mio agente è poi volato in Spagna dove abbiamo avuto i colloqui, ma sono stati solo di un minuto o due. Mi ha chiesto quali fossero le mie aspettative e gli ho risposto che volevo vincere. Mi ha detto che ci saremmo visti a Los Angeles due settimane più tardi e basta". 

Sull'esperienza al Real, insieme a Mourinho.
"Andare a Madrid è stata una delle migliori esperienze della mia vita. Incontrare José e lavorare con lui è stato fantastico. Ricordo ancora il mio primo allenamento, ha detto che le nostre partite sarebbero state di 90 minuti, quindi il nostro allenamento sarebbe stato di 90 minuti e tutto con la palla. Ho pensato che fosse fantastico perché sarebbe stato facile rispetto alla Germania dove eravamo abituati a correre sempre ma dopo la prima seduta, ero morto. Dopo quella sessione, siamo risaliti sull'autobus, ed era solo due file avanti a me, e mi ha scritto di guardare la formazione del giorno dopo perché sarei partito titolare. Mi sono guardato intorno e l'ho visto che mi guardava e sorrideva. È stato fantastico, mi ha dato molta fiducia. Aveva bisogno di me. Mi viene la pelle d'oca a pensarci".

Tutto sembrava cadere a pezzi con Mourinho nella terza stagione. 
"C'erano troppe personalità nello spogliatoio. Le singole personalità hanno battuto lo spirito dello spogliatoio e ci siamo persi. Forse era normale dopo due anni intensi. I giocatori si sono stancati. Nella terza stagione siamo stati eliminati contro il Dortmund e siamo arrivati secondi o terzi nella Liga".

© RIPRODUZIONE RISERVATA