I voti

Sassuolo-Roma, le pagelle: Abraham il migliore, riappare Cristante

Bryan entra a 20 minuti dalla fine, sbaglia pochissimo e scaccia gli incubi. Il gol premia la generosità di Tammy. Rui e Karsdorp fanno disastri. Felix è confuso

Abraham e Cristante (As Roma via Getty Images)

Abraham e Cristante (As Roma via Getty Images)

14 Febbraio 2022 - 07:00

Il finale scaccia gli incubi, non i problemi. La Roma riacciuffa un pari tutto sommato meritato in pieno recupero, ma continua a denotare enormi limiti. Le due reti subite sono la certificazione più evidente, ma non la sola. Da salvare c'è la voglia di non arrendersi agli eventi e il punto. A capo però. E da subito.

4,5 RUI PATRICIO Pronti via si oppone a Berardi. Sembra il preludio a una serata impegnativa, ma il Sassuolo trova poco lo specchio. Il patatrac lo compie lui su un tiro-cross senza pretese, anche se deviato. Sul secondo gol esente da colpe, tutte di Rick.

5 MANCINI Dei tre dietro è quello deputato ad alzare il pressing. Su una delle uscite rimedia il giallo che gli costerà la squalifica. Resta spaesato.

6 SMALLING Meno aggressivo rispetto ai due "braccini" ai suoi fianchi, domina nel gioco aereo lasciando le briciole a Defrel. Sfortunato nella deviazione che beffa Rui per l'1-1.

5,5 KUMBULLA Inizia in sofferenza contro Berardi, che ha un altro passo. Prende parzialmente le misure all'emiliano, ma cade nelle sue provocazioni e rimedia l'ammonizione finale.

4,5 KARSDORP Molto alto fino all'1-1, cui contribuisce lasciando un buco alle spalle. Il disastro lo compie però sull'1-2, bucando su Traoré.

5,5 PELLEGRINI Titolare dopo oltre un mese, paga lo scotto alla lunga assenza (e a tacchetti sbagliati) con minore brillantezza di quanto i suoi mezzi possano concedere. Ricrescerà.

5,5 OLIVEIRA Un po' in ombra nella prima parte, quando forse fatica un po' a trovare la posizione. Lascia il rigore ad Abraham, che ringrazia. Ma anche dopo l'intervallo non incide.

6 MKHITARYAN Il più offensivo dei centrocampisti è anche quello che interviene più spesso in copertura, senza per questo derogare alla pulizia delle giocate, per un'ora abbondante lucidissime. Stremato, cala alla fine

6,5 VIÑA Intercetta una serie infinita di palloni nella terra di nessuno, sintomo di corretta posizione. Va in soccorso di Kumbulla quando è il caso e si lancia con continuità in campo avverso, trovando la mano neroverde che vale il rigore.

5 FELIX Ha sui piedi l'occasionissima iniziale, ma dopo aver bruciato l'avversario diretto si fa ipnotizzare da Consigli. Spesso prende campo grazie alla sua rapidità, ma senza graffiare: gli spunti non mancano, la lucidità nelle scelte sì.

6,5 ABRAHAM Scacciata l'apprensione dopo la noia accusata a San Siro, scende regolarmente in campo offrendo la solita prestazione di grande generosa. Il meritato premio sembra arrivare alla mezz'ora su combinazione tutta british con Smalling, ma bandierina e Var dicono no. E allora si presenta sul dischetto a riscuotere. Propizia anche la superiorità numerica. Per fortuna c'è.

6,5 CRISTANTE Si presenta con un paio di cambi di gioco dei suoi, sbaglia pochissimo e sceglie perfettamente il tempo per la zuccata che vale il 2-2.

5,5 SHOMURODOV Non fa molto meglio di Felix, anche nella lucidità sotto porta.

6 VERETOUT Aggiunge dinamismo in mezzo.

5,5 MAITLAND-NILES Va a sinistra ma abusa del destro

S.V. PEREZ Dall'80', senza lasciare tracce.

6 MOURINHO Sceglie la mediana di qualità a scapito dell'interdizione, ma il ricorso continuo ai lanci lunghi non rispecchia i piani. A tradire però ancora gli errori individuali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA